Matrimonio blu: gli sposi dicono sì sott’acqua

da , il

    Il matrimonio diventa sempre più una buona occasione per organizzare un evento che sappia stupire amici e parenti. Sembra che l’obiettivo fondamentale sia essere ricordati per l’originalità della cerimonia. Le location sono le più disparate da quelle più trash come le toilette di New York, a quelle più macabre come le catacombe.

    Quella di cui vogliamo parlarvi oggi è tanto originale quanto complicata per gestirvi la celebrazione di un matrimonio: il fondo marino. In realtà non si tratta del fondo reale del mare, bensì di un fondale ricostruito, ovvero quello dell’acquario di Londra che per l’occasione è stato concesso alla coppia in questione. Ci sembra la soluzione perfetta per tutti gli appassionati di immersioni!

    Nel breve video (poco più di un minuto) che potete vedere qui sopra, gli sposi vestiti a dovere con gli abiti da cerimonia, sul fondo marino di fronte all’autorità giudiziaria, pronunciano il loro sì (simbolicamente visto che portano la maschera per l’ossigeno) e si scambiano il bacio dopo aver ricevuto autorizzazione a farlo da un cartello riportante la scritta ‘You may now kiss’.

    La cerimonia però nasconde un colpo di scena. Ad un certo punto sopraggiunge un ospite del tutto inaspettato, una tartaruga gigante, forse infastidita dagli insoliti rumori o forse soltanto incuriosita dagli ‘invasori’ del suo territorio, che sembra essersi innamorata dell’abito della sposa. L’inquilino dell’acquario continua a mordere la gonna dell’abito della donna, la quale tenta con difficoltà di liberarsi.

    Dopo l’ingresso del piacevole ospite a sorpresa e terminata la cerimonia, i neo sposi salgono in superficie per brindare a sé e al proprio futuro, con una bottiglia di champagne.

    Una cosa ci ha sorpresi (relativamente): sott’acqua non si intravedono ospiti (umani)….forse gli invitati non sapendo che abito acquistare per l’insolita cerimonia avranno declinato l’invito?

    Probabile! Si accontenteranno dello splendido video girato tra le acque.