Matrimonio gay: Expedia lancia uno spot a favore [VIDEO]

da , il

    Il matrimonio gay rientra nell’ordine naturale delle cose. Quella che può apparire un’affermazione lapalissiana è diventato il pay-off di uno spot pubblicitario, che in pochi giorni, ha registrato oltre un milione di visualizzazioni su Youtube.

    A diffondere lo spot in questione è il noto portale di viaggi on line, Expedia, che sceglie di raccontare la straordinaria naturalità del matrimonio gay per pubblicizzare il suo brand, schierandosi, come hanno fatto altre aziende prima di lei (vedi Ikea), apertamente a favore delle unioni omosessuali.

    Lo spot racconta il viaggio di un uomo, Artie Godlstein, non più nel fiore degli anni, che intraprende un lungo viaggio per andare ad assistere al matrimonio della figlia con un’altra donna. Durante il tragitto, Artie è assalito da pensieri naturali per un genitore, che nutre sempre delle grandi aspettative per i suoi figli, e per Jill lui sperava ci fosse un marito…

    …’Così quando Nikki ci ha chiesto il permesso di sposare nostra figlia – considera tra sé – le ho detto: questo non è quello che mi auguravo. Come potrà mai essere un matrimonio tra due donne? Che fai allora? Vuoi mantenere il rapporto speciale che hai con tua figlia, o vuoi perderla per sempre? Ti basta guardarle per capire che questo è l’ordine naturale delle cose‘.

    Una trovata pubblicitaria di sicuro effetto, volta a conquistare un’ampia fetta di mercato, ma anche un messaggio importante che si rivolge ad un pubblico ampio ed eterogeneo offrendo una prospettiva tra le più difficili da cui guardare, quella di un genitore che si trova a dover fare i conti con una realtà che lo destabilizza, ma che accetta, rendendosi conto che in fondo fa semplicemente parte dell’ordine naturale delle cose, come potrebbe essere altrimenti?