Matrimonio gay nel nuovo spot Renault Twingo

da , il

    Avete visto il nuovo spot della Renault Twingo? Più che pubblicizzare una macchina, ha tutta l’aria di essere una campagna a favore del matrimonio gay.

    Lo spot Renault Twingo si apre con una giovane donna in abito bianco che in macchina insieme al padre stringe tra le mani un piccolo bouquet. Entrambi felici ed emozionati arrivano in chiesa. All’altare c’è lo sposo, anch’egli radioso, che aspetta impaziente.

    E’ una scena che abbiamo visto mille volte, ma con un colpo finale ad effetto. A fare un passo avanti verso l’altare non è la giovane fanciulla in bianco, sebbene abbia tutta l’aria di una futura sposina, ma il padre di lei. Quello che ci si appresta a celebrare, tra la commozione e la gioia collettive, altro non è se non un matrimonio gay.

    La casa automobilistica francese ripropone ancora una volta il tema dell’amore omosessuale per pubblicizzare le sue automobili. Lo aveva fatto anche l’anno scorso sempre con lo spot della Renault Twingo Miss Sixty. Protagonista di quello spot era una delicata, quanto divertentissima, scena di seduzione al femminile, ma sia Rai che Mediaset la ritennero ‘offensiva‘ e fecero cadere sulla pubblicità la mannaia della censura, come a dire che in un Paese come l’Italia è legittimo andare a prostitute, ma non essere gay.

    Il nuovo spot della Renault Twingo alla fine recita che la Twingo è cambiata esattamente come cambiati sono i tempi, ma siamo proprio sicuri che i tempi siano cambiati anche in Italia o anche questo spot verrà giudicato offensivo e subirà la stessa sorte del suo predecessore? Noi speriamo di no, ma non ci resta che attendere per scoprirlo.