Matrimonio hippie chic: idee per una festa originale [FOTO]

da , il

    Ultimamente le tendenze anni ’70 sono fortissime, ecco perché un matrimonio hippie chic è la scelta verso cui molti si orientano quando vogliono una cerimonia a tema, abbastanza facile da realizzare e che non diventi troppo impegnativa per gli ospiti per quanto riguarda il dress code. Lo stile hippie è facile da riprodurre, certo, il periodo migliore sarebbe l’estate per poter festeggiare in un clima bucolico e verdeggiante, ma è perfetta anche una bella giornata d’autunno.

    Anche Belen Rodriguez per il suo recente matrimonio aveva chiesto agli invitati di attenersi ad un dress code adatto ad una festa a tema hippie-gipsy chic (noi non abbiamo visto molti dettagli in tal senso, ma se lo dice la sposa…), ma la vera domanda è: “Da dove partire se si desidera un matrimonio di questo genere?”.

    Iniziamo dall’abito della sposa, ricordate la fantastica Twiggy? Ecco lo stile perfetto per la sposa è quello che assomiglia a questa diva degli anni ’70: tanto pizzo sia bianco che colorato (via libera ai colori pastello come rosa, azzurro e arancio), cinture in vita, magari con elementi decorativi che richiamino il mood floreale, il preferito dagli hippie. Per l’acconciatura l’ideale è lasciare i capelli sciolti e impreziosire il tutto con un cerchietto o un headband decorato, ma anche una semplice coroncina di fiori è perfetta. Per lo sposo meglio un abito chiaro, in lino se è estate e il tempo lo permette, con tanto di fiore all’occhiello, e, alla fine della cerimonia, niente lancio del riso ma coriandoli bianchi o bolle di sapone, molto più scenografici!

    E la location? Come si diceva all’inizio questo genere di festa a tema è meglio pensarla per l’estate e scegliere come luogo per la festa una bella villa di campagna, oppure un agriturismo vicino al mare (scambiarsi gli anelli a piedi nudi sulla sabbia è davvero molto hippie chic!): il punto principale è cercare di mantenere un clima sereno e rilassato, lunghe tavolate in cui gli ospiti possano socializzare l’uno con l’altro senza divisioni o gerarchie. Decori floreali delicati, tovaglie, piatti e bicchieri possono essere colorati anche in modo diverso, creando dei suggestivi giochi cromatici.

    Per quanto riguarda l’intrattenimento non può mancare la musica dal vivo, magari proprio un revival anni ’70, dalle canzoni più romantiche a quelle dance, con sui scatenarsi all’aperto con gli amici. Nello spazio a disposizione, inoltre, sarebbe bello poter creare degli angoli con divani, poltroncine e cuscini in cui gli ospiti possano rilassarsi tra una portata e l’altra.