Matrimonio in riva al mare: a Rimini è vietato

da , il

    Matrimonio in riva al mare: a Rimini è vietato

    Matrimonio in riva al mare a Rimini? Quante sono le coppie che lo sognano? Tante, ma purtroppo per loro il matrimonio in riva al mare a Rimini, dove c’è una delle spiagge più belle del mondo è vietato.

    Ad oggi i matrimoni civili, a Rimini, vengono celebrati gratuitamente in una stanza dell’ufficio anagrafe, oppure, ma a pagamento, nella sala della giunta. Ma le cose potrebbero cambiare, con un’interrogazione, un consigliere comunale ha infatti chiesto che si potesse sfruttare lo splendido scenario della più famosa spiaggia della Riviera romagnola per la celebrazione dei matrimoni.

    Il consigliere Galvani, promotore dell’iniziativa ha citato l’esempio di località turistiche ‘quali Sorrento, Jesolo, Forte dei Marmi, Venezia, che hanno già adottato provvedimenti per offrire questo servizio a pagamento, con specifico tariffario, che rappresenta un’entrata aggiuntiva per le casse comunali, e muove un indotto turistico di nicchia‘.

    Sono circa 400 in un anno i matrimoni civili che vengono celebrati a Rimini. Il progetto che prevede la possibilità di celebrare il matrimonio in riva al mare a Rimini includerebbe anche l’offerta per i futuri sposi di servizi aggiuntivi a pagamento (addobbi floreali e così via). Inoltre, l’assessore proponente ha anche dichiarato: ‘Vista l’alta domanda, anche di stranieri, si potrebbero replicare con un rito figurativo i matrimoni anche fuori dagli spazi ufficiali della municipalità‘.

    Ma da dove deriverebbe questo divieto di celebrare il matrimonio in riva al mare a Rimini? Dal Codice civile, che all’articolo 106 stabilisce che il matrimonio civile debba essere celebrato pubblicamente in municipio, o in edificio di proprietà pubblica. E allora nelle altre località marittime succitate? A Jesolo, per esempio i matrimoni vengono celebrati anche in spiaggia, ma sol perché il locale Ufficio di stato civile ha sede in uno stabilimento balneare, di proprietà comunale. Ecco risolto il mistero!