Matrimonio misto: italiano deve convertirsi all’Islam

da , il

    Matrimonio misto: italiano deve convertirsi all’Islam

    Un’altra insolita vicenda che coinvolge i matrimoni misti, tra italiani e donne straniere di altre religioni o viceversa. Per poter sposare la sua fidanzata marocchina con rito civile, in Italia, un ragazzo vicentino deve convertirsi all’Islam. E’ quanto sta accadendo ad Andrea Gazzabin, 38 anni, a cui è stato richiesto di convertirsi alla religione islamica per poter diventare coniuge della sua fidanzata, musulmana marocchina. Il consolato non concenderà infatti il nulla osta se resta cattolico.

    Lui, cuoco di professione, nel 2009 apre un ristorante a Tarifa, una città della Spagna dove, qualche tempo prima, aveva conosciuto la giovane marocchina. Passa poco più di un anno e i due, insieme, decidono di tornare in Italia per potersi dedicare all’organizzazione del matrimonio prima di partire nuovamente per l’estero.

    Per pubblicare il rito civile del matrimonio, l’articolo 116 del codice civile italiano prevede il nulla osta dello Stato di origine dei due richiedenti. Una misura cautelativa, per evitare di celebrare il matrimonio a una persona che potrebbe risultare già coniuge in patria.

    E anche in un’epoca in cui i matrimoni misti tra italiani e donne straniere registrano un vero boom, è qui che per la coppia nascono i problemi. Il Consolato del Marocco ha infatti detto al giovane che avrebbe dovuto presentare un documento di conversione alla religione islamica, ottenuto dopo un corso di alcuni mesi in un centro culturale islamico.