Papa: l’Europa non sarebbe la stessa senza il matrimonio

da , il

    Papa: l’Europa non sarebbe la stessa senza il matrimonio

    «L’Europa non sarebbe più l’Europa se l’istituto del matrimonio fosse trasformato in qualcosa di diverso o addirittura cancellato».

    Sono queste le parole che Benedetto XVI ha affidato al nuovo ambasciatore dell’Ungheria presso la Santa Sede in un momento in cui ci si sposa sempre meno, con l’auspicio che «la nuova Costituzione sia ispirata ai valori cristiani, in modo particolare per quanto concerne la posizione del matrimonio e della famiglia nella società e la protezione della vita».

    «Il matrimonio e la famiglia – ha detto il Papa – costituiscono un fondamento decisivo per un sano sviluppo della società civile, dei Paesi e dei popoli». Per Ratzinger, infatti, «il matrimonio rappresenta la forma di ordinamento basilare del rapporto tra uomo e donna e, allo stesso tempo, la cellula fondante della comunità statale». Il papa ha denunciato che oggi l’istituto del matrimonio è fortemente a rischio, perché non si crede più nei valori su cui si fonda, vale a dire la stabilità e l’indissolubilità, in Italia è boom di divorzi e separazioni. La crescente liberalizzazione del diritto di divorzio e dell’abitudine, sempre più diffusa alla convivenza di uomo e donna senza la forma giuridica e la protezione del matrimonio, anche se in Italia il matrimonio continua ad essere preferito alla convivenza, minano – secondo la Chiesa – le fondamenta del matrimonio. «Da parte sua – ha concluso il santo padre – la Chiesa non può approvare iniziative legislative che implichino una valorizzazione di modelli alternativi della vita di coppia e della famiglia. Essi contribuiscono all’indebolimento dei principi del diritto naturale e cosi’ alla relativizzazione della legislazione tutta, nonche’ della consapevolezza dei valori nella società».