Partecipazioni matrimonio: cosa scrivere sulla busta e sul biglietto [FOTO]

da , il

    Anche per quanto riguarda le partecipazioni per il matrimonio ci sono delle precise regole dettate dal bon ton su come scrivere sulla busta o come impostare il biglietto da inviare agli invitati o a tutti coloro a cui si vuol mandare la partecipazione alle nozze. L’invito sarà diverso anche a seconda di dove esso sarà celebrato, se in chiesa o in comune e sarà ancora diverso se gli inviti saranno fatti dai genitori degli sposi o dagli sposi stessi. Le varianti sono diverse, ma ecco cosa dice il galateo al riguardo.

    Innanzitutto le partecipazioni, con gli inviti, andrebbero pensati due o tre mesi prima del giorno delle nozze ed inviate a destinazione almeno 30 giorni prima, se il matrimonio si celebrerà in un periodo di festa sarebbe meglio anticipare l’invio per dar modo agli invitati di organizzarsi per tempo.

    Ma cosa scrivere sulla busta e sul biglietto? Ecco che anche in questo caso ci sono delle precise norme del galateo che ci vengono in aiuto e che se vorremo potremo anche coscientemente sconvolgere. Secondo la tradizione dovrebbero essere i genitori degli sposi ad invitare gli ospiti e ad occuparsi dell’invio delle partecipazioni, spesso oggi però sono direttamente gli sposi a fare tutto. L’intestazione dell’invito sarà diversa a seconda della scelta. Nel caso in cui fossero i genitori ad invitare, l’invito sarà a forma di libretto, sulla parte sinistra ci saranno i nomi dei genitori di lui e sulla parte destra i nomi di quelli di lei, seguiti dalla frase ‘partecipano il matrimonio del loro figlio/della loro figlia’ e sotto il nome (come vedete nell’immagine in alto). Se invece si occuperanno di tutto gli sposi basterà omettere i nomi dei genitori e la frase che segue.

    In genere qualunque sia la vostra scelta sui nomi da mettere il galateo suggerisce sobrietà e semplicità, nella carta, nel carattere e nel contenuto. Di solito poi non si utilizzano i titoli accademici mentre sono ammessi invece i titoli nobiliari.

    Gli altri dati da inserire nelle partecipazioni saranno la data, il luogo del matrimonio e l’indirizzo, andranno anche inseriti gli indirizzi di entrambi gli sposi prima di sposarsi. Se invece si decide di inviare le partecipazioni a matrimonio avvenuto si riporterà solo l’indirizzo comune della coppia.

    L’invito di matrimonio invece dovrà essere inviato solo a coloro che si desidera partecipino alle nozze ed al ricevimento: si tratterà di un biglietto, stampato sulla stessa carta della partecipazione e con lo stesso carattere, e sarà inviato assieme alla partecipazione.

    I nomi degli invitati e di tutti coloro a cui saranno inviate le partecipazioni dovranno essere scritti rigorosamente a mano.

    Se il matrimonio avverrà tra un italiano ed uno straniero, sarà opportuno prevedere due tipi di partecipazioni e di inviti, nelle due diverse lingue.

    Questo è più o meno quello che prevede il galateo, ma, come vi dicevo, oggi le varianti sono tantissime, dipenderà molto anche dal tipo di matrimonio che state organizzando, per esempio negli ultimi anni si usa molto anche inviare delle partecipazioni digitali, diciamo che anche qui la fantasia viene prima di tutto.