Poesie sul matrimonio di Nazim Hikmet Ran da dedicare agli sposi

da , il

    Poesie sul matrimonio di Nazim Hikmet Ran da dedicare agli sposi

    State cercando delle poesie per il matrimonio? Delle poesie romantiche da dedicare agli sposi? Ecco dei meravigliosi versi di Nazim Hikmet Ran che parlano di amore eterno dell’unione amorosa come un viaggio bellissimo da intraprendere insieme. Nazim Hikmet Ran è un poeta turco naturalizzato polacco è uno dei poeti più tradotti al mondo grazie ai suoi versi romantici e universali.

    Nel 2002 proprio a Nazim Hikmet Ran fu dedicata proprio la Giornata mondiale della poesia proposta dall’UNESCO. Le poesie che trovate qui di seguito si potranno dedicare agli sposi o anche potranno essere un dolce pensiero che uno dedica all’altro.

    Il più bello dei mari

    Il più bello dei mari

    è quello che non navigammo.

    Il più bello dei nostri figli

    non è ancora cresciuto.

    I più belli dei nostri giorni

    non li abbiamo ancora vissuti.

    E quello

    che vorrei dirti di più bello

    non te l’ho ancora detto.

    Amo in te

    Amo in te l’avventura della nave che va verso il polo

    amo in te

    l’audacia dei giocatori delle grandi scoperte

    amo in te

    le cose lontane

    amo in te l’impossibile

    entro nei tuoi occhi come in un bosco

    pieno di sole

    e sudato affamato infuriato

    ho la passione del cacciatore

    per mordere nella tua carne.

    amo in te l’impossibile

    ma non la disperazione.

    Anima mia

    Anima mia

    chiudi gli occhi

    piano piano

    e come s’affonda nell’acqua

    immergiti nel sonno

    nuda e vestita di bianco

    il più bello dei sogni

    ti accoglierà

    anima mia

    chiudi gli occhi

    piano piano…

    Ciò che ho scritto di noi

    Ciò che ho scritto di noi è tutta una bugia

    è la mia nostalgia

    cresciuta sul ramo inaccessibile

    è la mia sete

    tirata su dal pozzo dei miei sogni

    è il disegno

    tracciato su un raggio di sole

    ciò che ho scritto di noi è tutta verità

    è la tua grazia

    cesta colma di frutti rovesciata sull’erba

    è la tua assenza

    quando divento l’ultima luce all’ultimo angolo della via

    è la mia gelosia

    quando corro di notte fra i treni con gli occhi bendati

    è la mia felicità

    fiume soleggiato che irrompe sulle dighe

    ciò che ho scritto di noi è tutta una bugia

    ciò che ho scritto di noi è tutta verità.