Problemi sessuali col partner? Giusto chiedere separazione

da , il

    Problemi sessuali col partner? Giusto chiedere separazione

    Avere problemi sessuali col partner dà diritto alla separazione, in altri termini, se la coppia a letto non funziona, la legge riconosce ai coniugi il diritto di non stare più insieme.

    E’ quanto stabilisce una recente sentenza della Corte di Cassazione che vede proprio nella mancanza di intesa sessuale tra i coniugi una ‘giusta causa‘ per abbandonare il tetto coniugale.

    Proprio per questo motivo, chi lascia il coniuge, adducendo come motivazione il fatto di non vivere un rapporto ‘sereno e appagante‘, non rischia di vedersi addebitata dal giudice la colpa della separazione. E’ tutto scritto nero su bianco nella sentenza con cui la prima sezione civile della Cassazione ha rigettato il ricorso di un uomo che chiedeva l’annullamento delle pronunce di merito che avevano stabilito un assegno di mantenimento di 2.500 euro mensili a favore della sua ex moglie.

    L’uomo, in particolare, aveva presentato ricorso contro una sentenza della Corte d’appello di Bari, che aveva confermato l’assegno per la moglie separata. In Cassazione, il ricorrente aveva sottolineato, tra l’altro, che le ‘problematiche sessuali‘ fossero ‘riconducibili alla moglie‘, della quale rilevava una ‘grave indisponibilità e non ricettività‘. A suo parere, era stata lei sola a determinare ‘la crisi della coppia‘.

    Lei o lui, per la legge non fa alcuna differenza, ogni volta che si riscontra una manifesta incompatibilità sessuale tale per cui uno o entrambi i coniugi hanno tutti gli elementi per dirsi insoddisfatti della propria relazione sessuale sussistono tutti i requisiti per una separazione senza colpa.