Proverbi sul matrimonio in dialetto, per un augurio speciale

da , il

    Proverbi sul matrimonio in dialetto, per un augurio speciale

    State cercando dei proverbi sul matrimonio in dialetto? Tra le frasi per il matrimonio migliori da dedicare ecco i più bei proverbi popolari. Qui una copiosa selezione! I proverbi più belli e più popolari sono quelli in dialetto napoletano, che oltre ad essere delle perle di saggezza, hanno anche quel tocco di sarcasmo ed ironia tipico della tradizione campana. Non da meno sono i detti della tradizione lombarda che si distinguono anche per le sonorità musicali speciali del nord Italia.

    Le frasi per il matrimonio più divertenti sono di certo quelle in dialetto, frasi piene di colore che possono essere utili anche per l’addio al nubilato.

    Frasi sul matrimonio in dialetto napoletano

    • O patrone songh’io, ma chi cumanna è mia moglie – Il capo famiglia sono io ma chi comanda è mia moglie!
    • Nun si pò avè a votte chiena e ‘a mogliera ‘mbriaca – Non si può avere la botte piena e la moglie ubriaca.
    • A’ altare sgarrupàto nun s’appicciano cannèle – Alle donne ormai anziane non si fanno moine.
    • A’ bella ‘e ciglie, tutte ‘a vonno e niscuiuno s”a piglia – Le ragazze molto belle sono corteggiate da tutti ma nessuno pensa di sposarle.
    • A femmena nun se sposa ‘o ciuccio pecchè le straccia ‘e lenzole – La donna non sposa un asino solo perchè le straccia le lenzuola.
    • ‘A casa cu’ ddòje porte ‘o diàvulo s”a porta! – La casa con due porte il diavolo se la porta via (perchè offre maggiori chances alle tresche amorose di ciascun coniuge).
    • Mogghie e vuoje d’ ‘o paese tujo. – Variante di ‘moglie e buoi dei paesi tuoi’.

    Frasi sul matrimonio in dialetto milanese

    • Furtünada chéla spusa che pèr prém la gà una tusa. – Fortunata quella sposa che come primogenita ha una figlia.
    • Nun se piglia se nun se somiglia. – Non ci si piglia se non ci si assomiglia.
    • Per spusass ghe vôr: lüu, léee anca la bursa di danée. – Per sposarsi occorrono: lui, lei e anche la borsa dei soldi.
    • Pan e nus mangià de spus, nus e pan mangià de vilan. – Pane e noci cibo da sposi, noci e pane cibo da contadini.
    • Cent’an de murùs, gnanca un dé de spus. – Sono meglio cento anni da fidanzati che un un solo giorno da sposati.
    • A tò miée pénséch fin ai trenta, dopu pénséch amò un pô… e finéss col tôla no. – A prender moglie pensaci fino ai trent’anni, poi pensaci ancora un po’… e finisci col non sposarti più.
    • I spus e la fritàda, se fan con una fiamàda. – Sia gli sposi che la frittata si fanno con una fiammata.
    • Spusa mia un veduvèll, perché la prima dôna la faséva quèst e quèll. – Non sposare un vedovo, perché ti rinfaccia che la prima moglie faceva questo e quello.
    • Ci che tò miée a bunùra, coi so bagaj el laùra. – Chi prende moglie presto, lavora con i suoi figli.