Sposa indiana scappa dal marito: a casa non c’era il wc

da , il

    Sposa indiana scappa dal marito: a casa non c’era il wc

    Vi ricordate quella canzoncina infantile che faceva Era una casa molto carina, senza soffitto, senza cucina… …non si poteva far la pipì perché non c’era vasino lì? Una sposa indiana è scappata dal marito la prima notte di nozze perché la casa dove sarebbe andata a stare non solo era sprovvista di vasino, ma anche di wc.

    La notizia è stata riportata dall’agenzia di stampa indiana Ians, che non ha mancato di sottolineare anche il profondo significato sociale che ha avuto il gesto di Anita Bai, questo il nome della fanciulla fuggitiva, invocata a gran voce da tutti come la sposa ribelle.

    La fuga della sposa indiana ha sollevato un vero e proprio movimento popolare nel suo villaggio dello stato meridionale del Madhya Pradesh dove sopravvive ancora oggi la medievale abitudine di fare i bisogni all’aperto, pratica seguita da 660 milioni di indiani con conseguenze sull’igiene pubblica e la dignità femminile.

    Anita opponendo il suo netto rifiuto all’usanza di fare i bisogni all’aperto insieme alle altre donne della famiglia del marito, si è trasformata in un’eroina nazionale ed è riuscita a far parlare di sé i media indiani (e non solo) e persino una organizzazione governativa.

    L’associazione Sulabh International le ha assegnato un premio in denaro di 500 mila rupie, circa 7.700 euro, che sono una cifra enorme nelle misere campagne indiane. Anita inoltre è stata invitata a New Delhi il prossimo aprile a ritirare il riconoscimento direttamente dalle mani di Bindeshwar Pathak, un medico bramino nativo del Bihar che da oltre 40 anni si batte per diffondere la cultura del gabinetto come strumento per combattere le malattie, ma anche per proteggere la dignità femminile.

    Il gesto di Anita, comunque, non è servito semplicemente a sensibilizzare l’opinione pubblica, ma è valso anche a costringere il marito a costruire un wc domestico chiedendo un finanziamento a un’ente locale, e a dare al contempo l’esempio ad altre famiglie. Nel villaggio, infatti, negli ultimi tempi è sorto un discreto numero di gabinetti adiacenti alle case.