Sposarsi al Teatro comunale di Carpi non è più gratis

da , il

    Sposarsi al Teatro comunale di Carpi non è più gratis

    Se siete della zona di Modena e dintorni, la notizia non vi piacerà affatto: d’ora in poi sarà possibile sposarsi con rito civile al Teatro comunale di Carpi soltanto a pagamento e non più gratis com’è stato fino ad adesso. Così, per dire il si nello storico palazzo neoclassico, adornato con le copie del Correggio realizzate dal locale pittore Albano Lugli, bisognerà metter mano al portafogli, così come avviene nei paesi dei dintorni dove per sposarsi semplicemente in una sala del comune bisogna pagare dai 59 ai 130 euro.

    Così accade a Novi, Campogalliano e Soliera, dove anche per sposarsi in una normalissima sala comunale costa. Tanto che molti degli abitanti di questi paesi fino ad ora venivano a sposarsi a Carpi, usufruendo di una bella sala elegante e a costo zero.

    Esattamente come molte coppie provenienti da Inghilterra, Olanda, Spagna e Turchia che, pur di convolare a nozze nello storico palazzo venivano a sposarsi a tanti chilometri di distanza dalla loro abituale residenza.

    Cinzia Caruso, l’assessore al Bilancio e servizi demografici, ha infatti sottolineato che In effetti Carpi era un’eccezione. Adesso con i tagli e le ristrettezza di bilancio siamo costretti ad applicare un tariffario, allineandoci con le altre realtà in provincia e non solo. La novità del nuovo regolamento per i matrimoni civili sarà l’aggiunta di alcune sale di Palazzo Pio, che attualmente vengono già affittate per i convegni.