Sposarsi in Chiesa: il rito del matrimonio ambrosiano

da , il

    Sposarsi in Chiesa: il rito del matrimonio ambrosiano

    Se si decide di sposarsi in Chiesa sarà utile sapere che la Chiesa Cattolica ha approvato ben 23 riti per celebrare le nozze, tra questi il più conosciuto è il rito romano, ma non è da meno il rito ambrosiano. Quali sono le differenze tra il rito romano e il rito ambrosiano? Le principali cose che distinguono i due riti sono legate ad alcuni passi della celebrazione delle nozze e degli altri momenti religiosi e ad alcune date di inizio dei tempi dell’anno liturgico che non sono le stesse. Come nel caso dell’inizio dell’avvento che secondo il rito romano è il 26 novembre mentre secondo quello ambrosiano è l’11.

    Il rito ambrosiano deriva dalla tradizione che si è stratificata nella liturgia della diocesi di Milano, dove ancora oggi è possibile sposarsi con questo rito, e che viene fatta risalire all’opera del vescovo Ambrogio.

    Il rito del matrimonio ambrosiano avviene sempre in Chiesa ma ci sono diversi punti che differenziano le due celebrazioni ecco quali:

    • I colori liturgici: nel rito romano il colore predominante è sempre il bianco con il verde mentre nel rito ambrosiano è il rosso.
    • Celebrazione della messa: le differenze tra i due riti riguardano soprattutto l’ordine delle fasi liturgiche, ad esempio lo scambio di pace avviene al termine della Liturgia della parola, i canti previsti sono tre e non due, non c’è l’Agnus Dei e l’invocazione del Kyrie eleison non è seguita dal Christe eleison.
    • La figura di Cristo: nel rito ambrosiano l’intera celebrazione è incentrata sulla figura di Cristo questo deriva dalle forti lotte contro l’eresia ariana al tempo di Sant’Ambrogio.
    • Estetica del rito: nel rito ambrosiano c’è una forte vicinanza con le liturgie orientali. Anche l’utilizzo del turibolo, il vaso dove viene bruciato incenso o lo zolfo, è diverso, nel rito ambrosiano infatti è scoperto e viene usato facendolo girare per aria. O anche gli abiti dei sacerdoti hanno delle differenze con quelli che celebrano il rito romano.