Spose minorenni: in Marocco 34 mila nel 2010

da , il

    Spose minorenni: in Marocco 34 mila nel 2010

    Hanno 12, 10, 9 anni. A volte sono ancora più piccole, le ragazze che sono costrette al matrimonio con uomini adulti, nei paesi di religione islamica. E’ tristemente noto come fenomeno delle spose minorenni, che sono state 34 mila nel solo Marocco nel 2010, ma il cui numero è destinato a crescere secondo le statistiche.

    Nonostante la questione sia divenuta oggetto del dibattito in sede internazionale e nonostante l’introduzione, nel 2005 della riforma del codice di famiglia nota come Mudawana, voluta dal re Mohammed VI, che pone forti limiti al matrimonio con ragazze minorenni, soprattutto in Marocco il fenomeno delle spose minorenni registra una continua ascesa.

    Il sito marocchino ‘Lakome‘ ha diffuso le ultime statistiche del ministero della Giustizia di Rabat che denunciano un pericoloso aumento del numero di matrimoni di uomini adulti con ragazze minorenni. Se nel 2008 si erano raggiunti i 30.685 casi e nel 2009 33.253, nel 2010 si è toccata la cifra record di 34.000 matrimoni.

    Il fenomeno delle spose minorenni non interessa il solo Marocco, secondo le statistiche dell’Onu sono oltre 60milioni le spose minorenni in tutto il mondo. Vengono strappate alla loro infanzia, a molte di loro viene negata un’istruzione, il diritto alla salute, vengono fatte continuamente oggetto di violenze domestiche di ogni tipo, in molti casi muoiono in seguito a parti precoci – al di sotto dei 15 anni, infatti, il rischio di morte durante il parto, è molto più alto – se anche non muoiono le conseguenze che ne riportano sono spesso devastanti per il corpo e non solo.

    La Clinton Global Initiative ha presentato di recente una nuova partnership globale chiamata Girls not Brides proprio allo scopo di dare voce alle bambine che rischiano le nozze precoci e di rafforzare a tutti i livelli, sia locali che globali, la lotta contro questa pratica.