Viaggio di nozze: come fare per i reclami

da , il

    Viaggio di nozze: come fare per i reclami

    Sembra un’ipotesi remota e ce l’auguriamo, ma purtroppo capita anche questo: parliamo del caso in cui ci sia qualche disservizio durante il proprio viaggio di nozze. Molti, infatti, un po’ perché distratti dal momento particolare, un po’ perché poco informati, spesso sorvolano sulle inadempienze del servizio, pensando magari che non ci sia il modo di far valere i propri diritti e far sentire la propria voce. Ma il modo, invece c’è, anche nel malaugurato caso in cui dobbiate disdire la luna di miele.

    Che fare, allora, se l’hotel nel quale avete soggiornato non corrispondeva esattamente alle caratteristiche che vi avevano presentato o che avevate richiesto? La risposta è subito trovata in base a quanto stabilito da un decreto legislativo, il 111/95, che sottolinea che i clienti insoddisfatti del servizio devono denunciare per iscritto al tour operator o all’agenzia di viaggio tutto che che secondo loro è stato difforme rispetto ai servizi prenotati.

    Il reclamo va quindi fatto al momento stesso in cui emerge la difformità di servizio o in cui si presenta il problema, ma avete tempo comunque anche 10 giorni dopo il rientro, nel caso in cui, in quel momento non abbiate fatto caso alla mancanza.

    È possibile, però, che la vostra agenzia non riconosca tale difformità di servizi: in questo caso, ottenere il rimborso o il rimpatrio nel caso di viaggio all’estero, ci si deve rivolgere rivolgere al Fondo Nazionale di Garanzia, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri.

    Per le disdette, invece, la storia è un po’ diversa, in quanto molto dipende dalla politica della vostra agenzia o del tour operator prese scelto: in ogni caso è bene comunicare quanto prima la vostra rinuncia per cercare di perdere economicamente il meno possibile.