Abiti riciclati e vecchi: una tendenza ecologica

da , il

    Abiti riciclati e vecchi: una tendenza ecologica

    Negli ultimi quattro anni gli italiani riciclano il 34% in più gli abiti.

    Un dato significativo e molto positivo, se consideriamo le conseguenze e se scopriamo che Carlo D’Inghilterra sostiene questa nuova tendenza in prima persona, pur essendo uno degli uomini più eleganti. l riciclo è di moda dal 2005, anche tra le persone più modaiole!

    Con il riciclo si risparmia, ci si diverte, e si inquina di meno. Ogni anno gli italiani comprano 15 kg di materiale tessile, tra indumenti e arredamento, ma pensate se non si usassero fino alla fine…tutto finirebbe negli inceneritori, e l’inquinamento sarebbe maggiore.

    Non esistono solo mercatini dell’usato, ma anche dress-crossing, che sono gruppi di amiche inizialmente solo americane, in cui le ragazze più modaiole si scambiano abiti e borsette firmate secondo turni precisi.

    Si stanno diffondendo anche gli swap party, che sono feste durante le quali gli abiti usati vengono barattati con qualche altro capo d’abbigliamento.

    Vanno alla grande anche le sartorie che hanno la funzione di riparare gli indumenti o semplicemente di cambiarli e farli sembrare nuovi di zecca!

    Ma fate attenzione, tutto questo non significa miseria! Le neomamme hanno capito questa cosa prima di altre persone: abbiamo la possibilità di comprare molti più vestiti a un prezzo molto più basso, perchè continuare a spendere di più?

    Tra gli stilisti sta spopolando il vintage di ricerca, che unisce vecchi tessuti di alta qualità, riproducento modelli etnici o abbigliamento dall’aria vissuta.

    Nelle città aumenta sempre di più il numero di sartorie che riparano e riadattano le misure ai capi di seconda mano. I prezzi sono ridotti e alla portata di tutte: 5 euro per allungare un orlo, fino a 30 euro per rifare un cappotto, e possono addirittura copiare un modello visto su un giornale arrivando a 50 euro!

    Ma le appassionate in questo campo sanno che dovranno spendere ancora tra i 10 e i 20 euro per mandare il nuovo capo d’abbigliamento in tintoria e per farlo sterilizzare a vapore.

    Se siete ossessionate nel seguire le tendenze non dovete preoccuparvi! Infatti ci sono alcuni capi che non passeranno mai di moda, come il giubbotto di pelle, i cappotti colorati, le cinture, le pochette e bijoux.