Anne Hathaway all’anteprima del film d’animazione Rio: i perché del suo style

da , il

    A tutto c’è un perché e io, come cantava il malinconico Riccardo Cocciante, vorrei scoprirlo stasera. Cosa diavolo sarà mai passato in mente alla frizzante Anne Hathaway quando si stava preparando per andare all’anteprima del suo nuovo film di animazione Rio? Ok, è una bella ragazza. Va bene, è diventata un’icona quando ha fortunatamente interpretato il ruolo della ragazza che si riscatta ne Il diavolo veste Prada ma questa caduta di stile, quest’accozzaglia di maglia-pantalone-zeppe non va certo di moda. Cosa le farebbe Anna Wintour se la vedesse così conciata? Speriamo non l’abbia già vista!

    Ha deciso di far parlare di sé, questa mi sembra una spiegazione piuttosto sensata perché altrimenti non saprei proprio dove sbattere la testa. Anne Hathaway ha deciso di presentarsi per l’anteprima del film d’animazione Rio conciata come un clown! Esaminiamo la sua mise.

    Maglioncino a righe anni sessanta e pantaloni a vita con balzi laterali tutti firmati Marni Resort (anche la collana con pendenti). Rendiamoci conto, non tutte le realizzazioni dei grandi della moda sono delle scelte azzeccate. Un capo firmato non è per forza un capo di tendenza. Non si è belle se il maglioncino lo firma uno stilista sconosciuto piuttosto che uno meno noto. Ecco se l’Hathaway avesse avuto più personal style forse non sarebbe caduta nella mega trappola modaiola indossando una mise così orripilante.

    Un punto a favore glielo possiamo assegnare per le zeppe di Casadei. Sicuramente la slanciano ancora di più e sono, a parte l’altezza vertiginosa, abbastanza sobrie nella scelta del colore. Avrei tremato seriamente se le avesse scelte verde smeraldo o leopardato!

    Ma se la soluzione al problema posto non è quella di voler attirare attenzione allora qual è la reale risposta al quesito? Che voglia apparire brutta per dispetto?

    Voi cosa ne pensate?