Armani Hotel: a Milano sorge l’eleganza del lusso italiano

da , il

    Armani ha aperto il suo secondo hotel nel cuore del quadrilatero della moda milanese. L’hotel Armani sorge a Milano in via Manzoni 31, una delle vie più note per eleganza della città meneghina. Qual è la caratteristica dell’hotel Armani? È al contrario! Sì, davvero, è proprio al rovescio! Se normalmente entrando in un hotel trovate la reception a piano terra, nell’hotel di Armani le cose si capovolgono. “Il mio lusso è la privacy” – così commenta Giorgio Armani rispetto al capovolgimento della sua struttura. Difatti entrare nel nuovo hotel di Armani significa entrare in ascensore e arrivare al settimo piano dove sarete accolti da un personale specializzato.

    Armani ha finalmente aperto anche in Italia il suo capolavoro architettonico. Già perché Re Giorgio aprì un altro hotel che porta il suo nome nella ricca e florida Dubai. Ma parliamo del nuovo capolavoro milanese. Il nastro che Armani ha tagliato dinanzi all’entrata del nuovo super albergo milanese sito in via Manzoni è stato il segno che da tempo si attendeva. Era ormai già da un po’ che lo stilista italiano aveva annunciato l’apertura di questa struttura e da tempo i milanesi che passavano di lì ammiravano incuriositi un palazzo enorme ricoperto con un telo sul quale campeggiava la scritta “Armani Hotel Milano”.

    L’attesa è terminata e Re Giorgio ha aperto le porte dei suoi ascensori per far conoscere al mondo il suo nuovo gioiello di alta classe. Le stanze sono 95 e sono distribuite dal secondo al quinto piano. Al sesto invece gli ospiti alloggeranno nelle 5 suite presidenziali. Sebbene ogni stanza sia curata in ogni minimo dettaglio da lui stesso, lo stilista ha affermato che è la privacy totale il vero lusso. Per questo motivo ha voluto che alle camere ci si arrivasse in ascensore, ma non con gli ascensori che portano ai piani comuni! Alle camere ci si arriva con un elevatore personale!

    Inoltre ogni stanza ha un piccolo ingresso, una sorta di disimpegno che garantisce ancor di più la privacy.

    In più ogni singola camera è stata realizzata secondo le esigenze che Armani stesso desidera trovare quando alloggia in un albergo, tant’è che afferma “Nelle camere, poi, ho pensato alle cose che mi sarebbe piaciuto trovare; un bel cassetto grande per le camicie, non duemila tasti incomprensibili intorno al letto e, soprattutto, non il bagno a vista”.

    L’arredamento è sobrio, tipico dello stile che contraddistingue Armani. I divanetti sono realizzati con tessuti morbidi color crema, ben definiti e senza fronzoli inutili.

    La luce non abbaglia perché regolata da macroveneziane che cambiano l’inclinazione a seconda dei differenti momenti della giornata.

    Il pavimento cambia a seconda degli spazi; nel ristorante, anch’esso molto sobrio, a terra troverete una scacchiera di marmo nero e onice bianca retroilluminata.

    Non può mancare di certo uno spazio destinato al corpo; largo spazio dunque alla Technogym e alla spa con piscina.

    Dite la verità: vorreste anche voi alloggiare in una delle magnifiche stanze dell’Armani hotel di Milano? Io sì! ;)