Collezione Valentino Haute Couture Autunno-Inverno 2012-2013 [FOTO]

da , il

    La collezione Valentino Haute Couture Autunno-Inverno 2012-2013 è stata ispirata dal simbolista francese Gustave Moreau, un amante dei colori scuri. Così i due stilisti della maison, Maria Grazia Chiuri e Pier Paolo Piccioli, hanno omaggiato il grande artista. La collezione è, infatti, stata basata essenzialmente sul nero, ma qualche tonalità più chiara e luminosa non è mancata all’appello; lo stesso appello al quale non poteva mancare nemmeno il colore più rappresentativo della maison, il rosso Valentino.

    A poche ore dalla sfilata audace di Jean Paul Gaultier tocca a un’alta grande maison: Valentino. La collezione Valentino Haute Couture Autunno-Inverno 2012-2013 è stata una delle più attese, forse solo dopo il grande debutto di Raf Simons per Dior. Ad ogni modo, le creazioni di Maria Grazia Chiuri e Pier Paolo Piccioli hanno, come sempre, incantato il pubblico.

    La sfilata Valentino si apre all’insegna delle creazioni nere. Lunghi abiti sobri ma sofisticati si alternano in passerella. Immediatamente notiamo la differenza delle lunghezze; gonne lunghe fino a terra si danno il cambio a quelle ma sempre delineate fin sotto le ginocchia. Ai pantaloni lunghi e dritti sempre total black sono alternate gonne al ginocchio ma con apertura che mostrano la coscia, ma senza esagerare.

    Il total black domina con forza ma risplende grazie ai micro cristalli applicati e ai tessuto metallizzati e lucenti. Mantelle sobrie, austere, lunghe e nerissime coprano look altrettanto scuri. La pelle è scoperta dalle scollature, difficili da trovare, ma audaci, e dai tessuti leggerissimi, dei veli, come mostra l’abito con lavorazione floreale leggerissima, che non rende il corpo totalmente nudo e tanto meno volgare.

    Lasciato il total black, in passerella sfilano abiti dalle tonalità nude, sui quali ci sono dei bellissimi disegni floreali, romanticissimi, stilizzati e retrò. E dopo il nude arriva l’oro, nella sua unica variante o da accompagnatore del nero. In questo caso sono bluse a maniche lunghe, con lavorazioni oro su base nera, che smorzano e danno luce a gonne austere, ancora una volta total black. Per quanto riguarda le scarpe, le uniche protagoniste della sfilata sono delle décolleté nere con punta leggermente arrotondata e tacco medio.

    In passerella c’è un cambio di stile, arrivano abiti lavorati con grande maestria. Meraviglioso il minidress bordeaux con perline e lustrini oro, così come sono meravigliosi gli abiti oro e giallo chiaro. Adesso si alternano abiti lunghi a minidress più freschi, adatti soprattutto alla giovane donna Valentino. Si passa al rosa antico, ai volants leggerissimi e decorativi, ai nastrini neri che invece decorano il collo, come fossero gioielli.

    Finalmente in passerella arriva il colore dei colori della maison, il rosso Valentino. Il rosso domina con forza, decisione ed eleganza la sala che ammira in silenzio la meravigliosa collezione della maison. Ma in un attimo la musica si abbassa e le creazioni tornano sul total black, ancora una volta, per poi risvegliarsi in uno scintillio di applicazioni luminose e lavorazioni barocche.

    Siamo giunti alla fine, le modelle cavalcano la passerella per il defilé finale tra gli sguardi ancora innamorati di coloro che hanno partecipato a questo meraviglioso spettacolo di eleganza. E come sempre Maria Grazia Chiuri e Pier Paolo Piccioli incassano un’immensità di applausi.