Frankie Morello, collezione autunno inverno 2011-2012

da , il

    Una collezione ironica e divertente quella che propone Frankie Morello per la prossima stagione autunno inverno 2011-2012. La donna Morello come sempre ribelle e scanzonata, si diverte a giocare con un guardaroba di pezzi di abbigliamento rockabilly sia maschili che femminili. L’ispirazione infatti viene dai mitici anni ’50 e le modelle che portano una pettinatura a banana sulla testa e alcune anche una strana acconciatura posticcia a forma di scarpette che ricordano le orecchie di coniglio, sembrano uscite da una puntata di Happy Days o da una scena di Grease, passando per il James Dean di Gioventù Bruciata.

    L’operazione nostalgia riesce, ma con una rivisitazione creativa e glamour di quei pezzi diventati classici della moda e del costume, come la gonna a ruota con le crinoline, rivista nei materiali, proponendola qui in lucido vinile dall’acceso rosso fuoco al nero. I tailleur sono completi strettissimi di skinny pant alla caviglia e giacchine avvitate e le scarpe sono zeppe altissime con plateau di vernice bicolore bianca e nera, come i mocassini dei jazzisti in quell’epoca, ma con la punta rivolta in sù, portate con calzine corte a quadretti vichi.

    Trovata interessante, l’uso di mollette dorate per i capelli, trasformate in decorazioni che compaiono sui bordi delle giacche, su cinture stringivita e addirittura sui lunghi abiti da sera, sistemate a effetto degradè. Colore dorato anche per gli abiti da sera con coda a sirena che assomigliano a carta di cioccolatino e per i dettagli un po’ country a forma di rondine, sui colletti delle camicie e sulle fibbie delle cinture. Non mancano abitini iperfascianti portati con micropull pelosi ed ecopelliccie di colore giallo, le t-shirt con il noto logo a teschio del brand, e accessori garconne come bretelle lucide e cravattine strette puntate con molletta d’oro, senza dimenticare l’elogio al giubbottino chiodo ricordando quello di Fonzie, qui super stretch e che viene in uno slancio eroico, traformato in abito lungo da gran soirè, per una donna un po’ biker, in un gioco delle parti scherzoso e dallo stile retrò.