Geisha o Rock Girl

da , il

    Affascinante, colta e raffinata; determinata, aggressiva e sensuale. Due diversi e forse distanti modi di essere che trovano il loro punto in comune nell’arte del vestire accostando stile e trasgressività.

    Simbolo della cultura nipponica, la definizione di Geisha deriva dall’unione di due kanji (parole) che significano arte e persona, divenendo quindi persona esperta nelle belle arti, nelle belle maniere e non ‘prostituta’, come tutti pensano. Kimoni impreziositi da disegni effettuati a mano su stoffe brillanti e realizzate curando il minimo dettaglio, costituiscono il principale capo d’abbigliamento presente nel guardaroba di una Geisha, mentre una scia di profumi orientali li avvolge. L’attuale look di una geisha undergrond, che con malizia e grazia affronta il mondo, è così composto da colori pastello, volti a riprendere il carnato pallido che da sempre rappresenta la fragilità della carne e la forza dello spirito. Danzatrice che si muove lieve, con movimenti impercettibili, ma che lascia tracce evidenti della sua presenza, attraverso charme e raffinatezza. E quando si mescola Oriente ed Occidente lo stile diviene più provocatorio, ribellandosi alle regole imposte da cultura e tradizione, per divenire donne avvolte da rosso rubino, verde smeraldo e blu zaffiro. Abiti che risplendono di luce propria, con capelli nero corvino che scendono con naturalezza sulle spalle, oppure raccolti su di un lato da morbidi chignon. Ai piedi, per chi vuole rispettare la tradizione, calze di seta chiamate ‘tabi’ e zoccoli (infradito), mentre per chi vuole osare, tacchi a spillo o Christian Louboutin Over-The-Knee Boots.

    Ed è qui difatti che si possono incontrare una Geisha e una Rock Girl: davanti ad una vetrina di Christian Louboutin.

    Stivali neri, chic ed eleganti, in pelle morbida da indossare sotto minigonne stile collegiale e camicette da signorina Rottermaier sono l’accessorio giusto per donne rocker, assieme a guanti borchiati, make up ultra dark o smokey eyes, illuminato da grigio che richiama il metal. Look da rockstar con borchie e jeans strappati.

    Camicie da uomo aperte sul davanti, indossate con audacia e femminilità, offrono scollature mozzafiato. Il volgare è messo da parte per lasciare il posto ad un erotismo contenuto, creato per momenti in cui è la musica a guidare i sensi, a schiarire i pensieri più intimi fino a divenire bond girl in azione, groupies domate, tra una lap dance e un giro di danze molto ‘indie’ e poco ‘rock’. L’ideale sarebbe stato sfoggiare il vostro nuovo look alla Guilty Party Boat Cruise, crociera rock’n'roll tenutasi Il 14, 15 e 16 maggio nella laguna di Venezia, ma siamo certe che giacche paillettate, canotte traforate, tacchi vertiginosi, accessori sfavillanti, borse originali, questa estate troveranno anche loro una giusta collocazione.