Lanvin per H&M: cosa vi aspettate dal genio?

da , il

    Se la moda economica vi spinge a fare follie per un abito o per un accessorio d’abbigliamento togliendo di mezzo ogni freno inibitore alla vostra voglia di comprare, sappiate che i 32 giorni che ci separano dal varo della collezione di Lanvin per H&M saranno davvero lunghi da trascorrere.

    Cresce infatti l’attesa per il varo della collezione che il genio ha preparato per il marchio low cost svedese e il 2 novembre, quando saranno svelati i modelli della capsule collection, credo proprio che saremo in molte ad iniziare ad appuntare sulla nostra agendina cosa provare a mettere nel carrello dal 23 novembre.

    Aspettarsi una capsule collection unica e sensazionale è lecito se guardiamo al passato, anche recente, di Lanvin e pensare che la collezione Lanvin per H&M possa essere piena di capi che da sempre fanno la storia della maison francese è praticamente naturale.

    Io immagino una collezione piena di tubini con tanche ruches, bustier con tagli sartoriali e perle ovunque oltre all’utilizzo di linee particolari: una sensazione che è aumentata quando H&M ha diffuso la prima immagine ufficiale della collezione in cui, chiaramente, è l’abitino nero a fare da padrone, declinato in varie modalità e facilmente adattabile.

    Del resto Alber Elbaz era stato chiaro dicendo che aveva voluto una collezione per tutti i gusti e tutte le donne nella convinzione che madri e figlie si scambiano continuamente gli abiti e dunque necessitano di capi facilmente interscambiabili.

    Come dargli torto? E, soprattutto, come resistere fino al 23 novembre? Perché, diciamola tutta, il 2 novembre quando la collezione sarà svelata non vedremo l’ora di correre in negozio mettendocela tutta per poter dire di avere un capo firmato Lanvin. Che non è decisamente poco!

    Vi anticipo che la seconda immagine della collezione sarà svelata al più tardi entro la fine di questa settimana: vi sfregate già le mani vero?