Le borse più famose della storia: le it bag delle dive del passato [FOTO]

da , il

    Da Chanel a Gucci: le icone di stile che hanno ispirato le It Bag più belle della storia

    Le borse più famose della storia, le it-bag indossate dalle dive del passato alle quali molto spesso sono state dedicate, sono creazioni glamour ormai senza stagione che continuano a far sognare le donne di tutto il mondo con le loro forme sofisticate. Modelli come le Birkin di Hermès, le Lady Dior, le 2.55 di Chanel hanno segnato la storia della moda come pochissimi altri, ripercorriamo insieme il loro percorso fashion.

    Hermès, la Birkin e la Kelly

    Le due it-bag per eccellenza restano le regine di casa Hermès. La maison francese è stata infatti tanto fortunata da attirare l’attenzione del mondo con ben due modelli, a oggi i più desiderati dalle star e dalle donne. La Birkin nacque nel 1984: Jane Birkin, it-girl del momento e famosa per aver interpretato insieme al compagno Serge Gainsbourg il pezzo “Je t’aime… moi non plus”, si lamentò con l’allora direttore della griffe, Jean-Louis Dumas, di non essere riuscita a trovare una borsa da giorno comoda ed esteticamente molto bella. Così fu inventato il modello di base della Birkin, a oggi il più imitato a livello mondiale, realizzato in materiali molto pregiati. La Birkin è la prima scelta delle star in assoluto, ma per averla esistono liste d’attesa che possono durare mesi se non anni!

    La Kelly di Hermès fu inventa diversi anni prima, nel 1935, ma fu solo nel 1956 che il modello divenne famoso grazie a un’altra icona fashion dell’epoca, Grace Kelly. La splendida attrice, allora già principessa di Monaco, cercò di nascondere la sua gravidanza proprio dietro questa handbag, e così i media e le fashion victim di tutto il mondo la notarono: la Kelly diventò la borsa a mano sinonimo di eleganza per eccellenza.

    Le it-bags Christian Dior

    La Lady Dior è la it-bag più famosa della griffe francese. Nacque solo nel 1995, quando l’allora first lady della Francia, Bernadette Chirac, chiese alla maison una borsa in esclusiva dedica a Lady Diana. D’allora il modello diventò un pezzo forte per le collezioni del brand, a oggi intrepretato in tantissime versioni, in materiali e colori per tutti i gusti. Più sbarazzina la Miss Dior, una shoulder bag con tracolla a catena in vitello matelassè che fa concorrenza all’altrettanto celebre 2.55 di Chanel con il suo mood fresco e moderno.

    Le it-bags Louis Vuitton

    Si chiamano Speedy e Neverfull le borse più celebri della griffe francese. Il bauletto Speedy è oggi giorno il più venduto e imitato in tutto il mondo, ma non è nato nella forma in cui lo conosciamo oggi. Negli anni ’20 la maison creò il borsone Keepall, la cui forma fu solo successivamente resa più piccola e chic. Attrici del calibro di Audrey Hepburn sfoggiarono il loro bauletto Speedy, a oggi proposto in tela Monogram, Damier e Multicolor, proprio come la Neverfull. La famosa maxi shopper deve questo nome al fatto che con un peso di soli 700 grammi potrebbe arrivare a contenere oggetti fino a 210 Kg, grazie alla qualità dei materiali che la contraddistingue. Sia le Neverfull che le Speedy fanno parte della serie regolare Louis Vuitton, come abbiamo visto di recente sfogliando le immagini della collezione di borse Autunno/Inverno 2014-2015 della maison.

    La 2.55 di Chanel

    Ogni fashion victim che si rispetti conosce la borsa a tracolla 2.55 di Chanel. Il suo nome è legato alla data in cui Mademoiselle Coco la creò, il febbraio del 1955. Il modello ideato più spesso in pelle matelassè ma non solo, costava alla griffe all’inizio ben 18 ore di lavorazione per pezzo. Ha subito diverse modifiche e rivisitazioni nel corso dell’ultimo mezzo secolo, fino a quelle più futuristiche curate dal kaiser della moda Karl Lagerfeld, che aggiunse infine il logo con la doppia C e la tracolla a catena.

    Qual è la it-bag dei vostri sogni?