Le scarpe per la primavera 2010: qual è la tendenza

da , il

    Se una volta la protagonista assoluta del ‘C’era una volta’ e del ‘Vissero per sempre felici e contenti’, era Cenerentola, ma soprattutto la sua splendente scarpina luccicante che messa al piede giusto coronava in un solo gesto tutti i suoi sogni, oggigiorno la giovane donzella avrebbe l’imbarazzo della scelta per i tanti modelli proposti e che fanno letteralmente innamorare le donne.

    Accanto al must del momento, Tronchetti o Open Toe, si posizionano le eterne zeppe e le irrinunciabili, per comodità, ballerine o sandali. Più sono alte e più ci piacciono, nonostante d’estate spesso ci si ritrovi a passeggiare lungo viali o percorsi non proprio pianeggianti. Tra le preferite, si posizionano le zeppe di Givenchy: tacco alto quasi 20 centimetri, sagomate e in pelle. Ma la concorrenza non sta a guadare, ed ecco quindi Cacharel e Marc Jacobs proporre scarpe dall’altezza ridotta con laccio alla caviglia (stile schiava) e tocchi di originalità per quanto riguarda l’uso di materiali quali il plexiglas e il vernice dai colori sgargianti. Gucci è per le platform (un po’ sandali, un po’ stivali, ideali per esaltare la femminilità in serate informali. Lo stesso dicasi per Christian Louboutin, divenuto famoso grazie alla campagna pubblicitaria caratterizzante la collezione autunno-inverno 2010. Atmosfere oniriche e fiabesche a cura di Khuong Nguyen circondano le calzature, divenendo irresistibilmente magiche. Lo stile Miu Miu segue la tendenza dell’uso sproporzionato di stampe a fiori che ricoprono borse e scarpe.

    Alle calzature comode ci pensa invece il marchio Bata che per la stagione primavera-estate 2010 opta per uno stile da cow girl puntando su materiali quale pelle, similpelle, vernice, camoscio, e sui colori blu, marrone, beige, lilla.

    Altro che diamanti, il principe azzurro oggi ne avrebbe di scarpe da scegliere e da far indossare alla sua amata, rischiando magari anche di renderla scontenta per via della scelta. Perché le scarpe per noi donne rappresentano un vero e proprio gioiello, un acquisto da mille e una notte, per il quale siamo disposte a rinunciare a giorni di paghetta e a mettere da parte un intero stipendio per non sfigurare al primo appuntamento, ad una serata importante o semplicemente per soddisfare il nostro ego. E parlando di gioielli non potevamo non citare i sandali Dis Moi Oui di Renè Caovilla: preziosi cristalli su seta rosa cipria lucida rivestono la scarpa rendendola un sogno da vivere ad occhi aperti.