Moda e arte: Between Skin and Clothing

da , il

    Il binomio moda e arte non è composto da due termini di mondi completamente opposti e differenti, tutt’altro, sono altamente complementari. La moda è arte e l’arte fa moda per questo in Germania, all’interno del Kunstmuseum di Wolfsburg, ha avuto luogo una mostra singolare dedicata proprio all’arte e alla moda: Between Skin and Clothing. In esposizione alcune creazioni di moda e opere d’arte che raccontano gli intrecci tra art e fashion. Oggeti di Salvador Dalì, di Louise Bourgeois, di Rei Kawakubo e ancora le creazioni di Martin Margiela.

    Between Skin and Clothing è la mostra aperta ieri e che sarà visitabile fino al 7 agosto, quindi ragazze mie, c’è tutto il tempo di organizzarsi e partire perché la Germania non è dietro l’angolo ma nemmeno dall’altra parte del globo terrestre. All’interno del Kunstmuseum di Wolfsburg sarà possibile ripercorrere i percorsi e gli intrecci delle due espressioni creative, arte e moda appunto, che hanno mischiato e miscelato più volte le loro vie. Il risultato ogni volta è stato grandiosamente fenomenale.

    È soprattutto negli anni Sessanta che l’arte e la moda hanno intrecciato il loro percorso condividendo lo stesso spirito avantgarde. Con l’avvento di nuovo correnti stilistiche come la pop art i due elementi oggi inscindibili hanno dato vita a creazioni portentose ricche di carica visuale.

    Molti sono gli stilisti e gli artisti che hanno dato un forte approccio alla miscela arte-moda. Molti fashion designer hanno rivoluzionato i concetto di presentazione dell’abito, molti come la Maison Martin Margiela creano momenti di performance artistica. Anche molti stilisti di scarpe creano spesso vere e proprie sculture per i piedi, l’unico vero problema, portafoglio a parte, è indossarle per più di dieci minuti!