Moschino autunno inverno 2011: la sfilata a Milano

da , il

    A cosa si sarà ispirata Rossella Jardini per la collezione realizzata per il prossimo autunno inverno 2011? Per rispondere a questa domanda dovremo aspettare una sua di risposta a qualche intervista sta di fatto che la direttrice artistica di Moschino non rinuncia alle basi della maison. Innanzitutto i grossi fiori, pomposi intorno al collo, proposti anche come stampe su borse e scarpe. Persino sulle fodere delle giacche eleganti c’erano questi giocosi fiori aperti rossi. Si tratta di un abbigliamento maggiormente mascolino ostentato soprattutto dall’utilizzo eccessivo dei berretti delle uniformi maschili.

    La location dove si è tenuta la sfilata di Moschino andata in scena durante la terza giornata della settimana della moda milanese è stata via del senato, la stessa location dove si è svolta la sfilata di Alberta Ferretti durante la prima giornata degli eventi.

    Ironicamente spiritoso, Moschino presenta abiti, accessori, scarpe e borse assolutamente colorati. Rosa antico lucido, bianco, blu, nero, rosso e tanto tanto oro, questi i colori che sono andati in scena lo scorso venerdì.

    Ironicamente spiritoso, Moschino presenta abiti , accessori, scarpe e borse assolutamente colorate. Rosa antico lucido, bianco, blu, nero, rosso e tanto tanto oro, questi i colori che sono andati in scena lo scorso venerdì.

    I tailleurs sono realizzati in modalità classica ma con profili a contrasto, le giacche sono molto lunghe ispirate probabilmente agli uomini in divisa, stile ‘ufficiale e gentiluomo’. Per coprire il capo Rossella Jardini fa indossare alle sue modelle berretti tipici delle uniformi maschili degli uomini al servizio di un corpo militare o di forza. Sulla testa di altre invece sono applicati dei mirabolanti headpieces, piccole sculture posizionate sopra il capo (se scorrete la gallery capirete meglio di cosa parlo).

    Borse secchiello, piccole pochette e micro accessori di pelle (che in realtà non possono contenere nulla se non la singola chiave di casa!). Ogni signorina in passerella indossava degli accessori fondamentali: cascate di collane e ancor di più spicco gli orecchini tondi.