Alimentazione: la liquirizia fa bene al cervello

da , il

    Alimentazione: la liquirizia fa bene al cervello

    La liquirizia fa bene al cervello perché lo protegge dal rischio di degenerazione neuronale. E se in caso di gravidanza, i medici consigliano di non esagerare con le caramelle o i bastoncini dal gusto tanto deciso, nuovi studi dimostrano che le proprietà della liquirizia sono davvero benefiche per la salute dell’organo più misterioso e affascinante dell’uomo. Tanto da scongiurare gravi patologie come il Parkinson o l’Alzheimer. A dirlo, un team di ricercatori dell’Università del South Carolina capeggiati dalla dottoressa Rosemarie Booze. A renderla salutare sarebbe la liquiritigenina, sostanza appartenente alla famiglia dei fitoestrogeni e contenuta, appunto, nella liquirizia.

    I fitoestrogeni, ottenuti da varie tipologie di piante, si legano ad alcuni recettori organici e procurano benessere fisico. Il punto di partenza della ricerca statunitense è stato quello di approfondire gli effetti del mangiare liquirizia, alcuni dei quali già noti dalla medicina tradizionale orientale. in Cina, a esempio, la si usa per curare i disturbi della menopausa.

    Il team di Rosemarie Booze ha scoperto che la liquiritigenina allunga la vita delle cellule celebrali dopo essersi legata ai ricettori beta. E’ inoltre capace di generare nuove connessioni. I risultati raggiunti in laboratorio con campioni di cellule del cervello coltivati in vitro, fanno ben sperare…l’alimentazione dimostra, ancora una volta, come è possibile prevenire le malattie e nel caso specifico le patologie legate alla degenerazione neuronale.