Alimentazione sana? Devi pagare in contanti!

da , il

    Alimentazione sana? Devi pagare in contanti!

    Vi sembrerà strano ma riuscire ad avere un’alimentazione sana non dipende da necessità dietetiche, dall’educazione alimentare o dal tempo speso in cucina, ma dipende, per lo più dalla carta di credito. Secondo una recente indagine condotta dalla Cornell University di New York, infatti, è stato accertato che chi paga con soldi contanti è molto più attento a nell’effettuare acquisti superflui, evitando così, dolci, bibite zuccherate, bibite gasate, patatine e merendine varie, mentre chi utilizza la carta di credito o il bancomat per fare la spesa si ritrova con moltissime pietanze dannose alla salute.

    I ricercatori dell’università americana, per trarre queste conclusioni hanno osservato per più di sei mesi, un migliaio di consumatori alle prese della spesa. Si è, così trovato un collegamento tra carta di credito e junk food.

    Chi acquista, difatti, cibi ricchi di grassi, zuccheri o comunque sale, lo fa, solitamente di impulso, senza riflettere, semplicemente per soddisfare un capriccio. Chi, invece, va alla cassa e paga con denaro contante, effettua quasi sempre una spesa più equilibrata e soprattutto sana.

    La metodologia di pagamento non è legata alla crisi economica o al fatto di poter posticipare l’addebito. A spiegare il fenomeno è Manoj Thomas, uno degli autori della ricerca effettuata dalla Cornell University di New York: Una possibile spiegazione è nel dolore di pagare che il consumatore prova quando paga in contanti rispetto a quando usa una carta di credito. Vedere fisicamente il denaro che lascia il portafoglio suscita in chi paga una sorta di sofferenza che lo trattiene dal fare acquisti avventati e lo spinge a comprare ciò che veramente serve.