Amicizia uomini e donne: le adolescenti sono d’aiuto per i coetanei maschi

da , il

    Amicizia uomini e donne: le adolescenti sono d’aiuto per i coetanei maschi

    Quante volte ci sentiamo dire che l’amicizia tra uomini è più sincera mentre in quella tra donne interviene l’invidia e quindi la falsità? Ci hanno detto che la solidarietà femminile è un’invenzione e che l’amicizia tra uomo e donna non può esistere: insomma il genere femminile sarebbe destinato a restare senza amici. Ora invece un nuovo studio dell’Università di Montreal approfondisce le dinamiche delle amicizie tra adolescenti di sesso diverso e mette in luce aspetti importanti della psicologia femminile. Secondo François Poulin, che ha diretto lo studio, esisterebbe fin dall’età adolescenziale una differenza tra i sessi nell’intendere l’amicizia.

    Più esattamente le ragazze avrebbero un effetto positivo sui coetanei di sesso maschile mentre questi ultimi non sono in grado di affermarsi per loro come un punto di riferimento e quindi non possono impedire alle giovani di commettere errori o di intraprendere strade sbagliate. In particolare ci si riferisce alla droga: le femmine sarebbero più a rischio di dipendenza perché l’amico maschio non ha la sufficiente influenza per poterle aiutare. Le donne sviluppano maggiore empatia, sanno trovare le giuste parole e quindi rappresentano un maggior sostegno emotivo. Un elemento discriminante oltre alla psicologia maschile e femminile differente è il fatto che spesso le ragazze, intrecciando amicizie al di fuori degli ambienti scolastici, frequentano persone più grandi e rischiano di avere esperienze con droghe e alcol. I test hanno coinvolto circa 400 dodicenni, seguiti sistematicamente nel loro sviluppo fino al compimento di diciotto anni.