Anoressia: cure troppo tardi per una donna su quattro

da , il

    Anoressia: cure troppo tardi per una donna su quattro

    L’anoressia continua a imperversare tra le giovanissime, così come la bulimia. Tuttavia spesso accade che le cure giungano troppo tardi: accade a una donna su quattro, la denuncia è stata resa nota in occasione delle 20/e Giornate di Nutrizione Clinica 2010 promosse dall’Ospedale milanese di Niguarda.

    Nonostante il ritorno delle forme morbide sulle passerelle sia promosso su più campi, l’anoressia continua a mietere vittime, tanto più che ormai nei giorni attuali questa grave malattia si traveste sotto le mentite spoglie di un canone di bellezza socialmente accettato.

    A Milano in occasione delle ’20/e Giornate di Nutrizione Clinica 2010′ promosse dall’Ospedale milanese di Niguarda è giunta una denuncia preoccuppante: una giovane paziente su quattro con gravi disturbi del comportamento alimentare, tra cui anoressia o bulimia, arrive alle cure in condizione di gravissimo rischio di vita.

    Maria Gabriella Gentile, direttore del Centro milanese, ha commentato i dati relativi a oltre di 500 pazienti ricoverati, lanciando un appello ai medici di base e alle famiglie, affinché prestino maggiore attenzione ai disturbi del comportamento alimentare degli adolescenti.

    Anoressia e bulimia colpiscono oggi il 10% delle adolescenti tra i 12 e i 25 anni. Mentre tra i 15 e i 16 anni é soprattutto l’anoressia a incidere sulla salute dei giovanissimi, verso i 20-22 anni secondo i dati ha predominanza la bulimia.

    ‘Il problema grosso é che troppo spesso arrivano da noi quando la malattia è già in atto da tempo: una su quattro dopo oltre tre anni dall’inizio della malattia. Questo deve cambiare, perché è come se una persona si aspettasse di curare la polmonite quando già non respira più’.

    A Milano Food is fashion and Health ha offerte 5000 borse di studio per imparare a mangiare sano: prima o poi ci riusciremo?