Arnica montana: proprietà terapeutiche e ricetta per l’oleolito fai da te

da , il

    Arnica montana: proprietà terapeutiche e ricetta per l’oleolito fai da te

    L’arnica montana è una pianta con origini molto antiche tanto che ancora non è chiaro da dove derivi il suo nome, si tratta di un’erba medicinale della famiglia delle Asteraceae, è una pianta ghiandolosa e perenne con io fiori di colore giallo aranciato ed un gradevole odore. Oggi le proprietà terapeutiche dell’arnica sono ufficialmente riconosciute e viene spesso utilizzata in forma di gel o di pomata, ma anche al naturale. Vediamo quali sono le più importanti ed utili proprietà dell’arnica.

    E’ bene sapere che l’arnica è una pianta tossica e che i suoi utilizzi sono principalmente esterni, se ingerita infatti può provocare tachicardia, enterite e persino un collasso cardiocircolatorio. E’ anche importante sapere che l’arnica non va applicata sulle ferite aperte ma solo sulla pelle contusa o con problemi come brufoli. Nell’antichità infatti l’arnica veniva anche usata come veleno.

    A parte questo punto importante, l’arnica ha delle proprietà curative molto importanti se utilizzata per cure esterne, appunto in gel o in pomata, tra queste le più importanti sono come: cicatrizzante, astringente, starnutatorio, sudorifero.

    Ma vediamo come può essere utilizzata per la cura dell’organismo e del corpo e coma fare l’oleolito di arnica in casa.

    Oleolito di arnica fai da te

    Per ottenere un unguento fatto in casa basterà raccogliere i fiori della pianta, farli essiccare per un paio di giorni, macerarli in olio vegetale (a scelta tra olio d’oliva, olio di sesamo, olio di girasole, ovviamente tutti biologici) per 30-40 giorni in un barattolo di vetro chiuso esteticamente. Passati i 30/40 giorni si filtrerà l’olio e si conserverà in una bottiglia di vetro scuro. Questo composto potrà essere utilizzato sulla pelle per purificarla o curare contusioni.

    Utilizzi dell’arnica

    • Arnica per curare l’acne Per la cura dei brufoli non aperti, senza crosticina, preparare un decotto di arnica bollendo 30g di fiori in 1l di acqua per 4/5 minuti e con un batuffolo toccare due volte al giorno i punti dell’acne.
    • Arnica per la cura dei capelli e pediculosi Per la cura dei capelli e per favorirne una sana ricrescita si potrà fare dei risciacqui con un decotto di fiori di arnica. Si metteranno 15g di fiori di arnica in 1l di acqua, se ne metterà un cucchiaio nell’acqua del risciacquo. In caso di pediculosi, si potrà applicate sul cuoio capelluto un decotto bollendo 10g di fiori in 1l d’acqua (lasciare per 5 minuti). Non applicare in caso di escoriazioni della pelle.
    • Arnica per contusioni e distorsioni In questo caso basterà raccogliere delle foglie e dei fiori di arnica ed applicarli sulla parte lesionata.