Aumentare le proprie difese immunitarie: qualche consiglio

da , il

    Aumentare le proprie difese immunitarie: qualche consiglio

    Quando cambia il tempo, come in questo periodo, arrivano i primi mali di stagione: come aumentare le proprie difese immunitarie per evitare la temuta influenza? Ecco qui qualche semplice consiglio per cercare di arrivare preparati alla stagione fredda, proteggendo tutta la famiglia contro i virus nocivi per la vostra salute. Il freddo non è infatti la vera causa del contagio, bensì il contatto, respirando o parlando, delle goccioline cariche di virus che si sono liberate nell’aria.

    Prima di tutto prendete l’abitudine di aerare bene i vostri spazi, cambiando spesso aria: negli ambienti chiusi infatti il pericolo di venire a contatto con virus e batteri aumenta notevolmente. Non tutti quelli che vengono a contatto con il virus comunque contraggono la successiva infezione: a questo serve un sistema immunitario ben equipaggiato e forte. Cosa può abbassare queste difese naturali del nostro organismo? Lo stress in primis, poi la mancanza di sonno. È stato provato infatti che proprio durante la notte questi virus agiscono maggiormente. Le categorie più a rischio sono i bambini e gli anziani. I primi sono più fragili perché il loro sistema immunitario non si è ancora formato del tutto mentre gli anziani perdono le difese con il passare degli anni.

    Uno dei primi accorgimenti da adottare contro i mali stagionale è la vitamina C. Presente soprattutto negli agrumi, aiuta a proteggerci dai batteri ed è un valido alleato contro l’influenza. Ben vengano quindi spremute d’arancia o pompelmo, senza dimenticarci del kiwi, la cui polpa contiene un vero e proprio concentrato di questa vitamina: mangiando un solo kiwi si avrà quindi la copertura necessaria per tutto il giorno contro il raffreddore.

    Non possono mancare poi i cosiddetti probiotici: microrganismi viventi che aiutano ad aumentare le proprie difese immunitarie. Questi sono presenti in alimenti fermentati come gli yogurt. Questi particolari fermenti si legano agli agenti patogeni disattivandoli, impedendone la diffusione nell’organismo, stimolando la formazione di anticorpi.

    Può sembrare un’ovvietà ma a volte è sempre meglio ribadire un concetto che viene dato per scontato: lavatevi spesso le mani, al rientro a casa da lavoro soprattutto e prima di mangiare. L’igiene delle mani è la prima prevenzione contro i batteri. Toccando oggetti contaminati questi rimangono poi sulle mani e, venendo a contatto successivamente con il naso o con la bocca, danno via libera al loro diffondersi nel nostro organismo.

    Ultimi ma non meno importanti sono gli antiossidanti, capaci di ridurre le ossidazioni all’interno delle cellule. Sono presenti in alimenti come i mirtilli, l’uva e le carote. Anche la propoli, oltre alla sua azione antiossidante, è anche antibatterica e antivirale, quindi molto utile per difendersi dai mali di stagione.