Bacche Acai: il vero e il falso del super alimento

da , il

    Bacche Acai: il vero e il falso del super alimento

    In Inghilterra ha già conquistato il mercato degli appassionati e specializzati nel settore ‘diete’, promettendo una linea invidiabile in tempi lampo, senza ovviamente nessuna controindicazione. Possibile? Ve li sveliamo noi i pro e i contro del ‘chicco nero’.

    Considerato un alimento particolarmente benefico per il nostro organismo, la bacca brasiliana, chiamata Acai, è difatti raccomandata da nutrizionisti e dietologi, soprattutto oltre oceano, dove la vita va forse troppo veloce e non c’è tempo di andare in palestra o di godersi un pasto salutare in tranquillità. In Brasile se ne consumano milioni ogni giorni e negli States ‘va di moda’ (nonostante sostengano cure dimagranti prive di fibre, risorsa che tra l’altro favorisce un sano apparato digerente), mentre in UK incuriosisce e per questo viene acquistata sperando in effetti miracolosi, sull’onda del chiacchiericcio generale. Eppure vi sono tanti pareri contrari. Aziende e dottori in particolar modo si schierano contro l’uso sproporzionato di questo alimento, nonostante le bacche contengano un altissimo numero di antiossidanti, dieci volte di più rispetto all’uva nera, che aiutano a combattere l’invecchiamento precoce e vitamine. Aumentano i livelli di energia, migliorano le prestazioni sessuali, migliorano la digestione, l’aspetto della pelle, migliorano la salute del cuore e si riducono i livelli di colesterolo, ma assicura la perdita di chili? La risposta è purtroppo no. Hanno grandi proprietà le bacche di acai, ma non permettono un calo di peso immediato o certo, poiché ’unico modo per dimagrire in modo corretto rimane solo uno: una dieta equilibrata, non drastica, coadiuvata da attività fisica, bevendo tanti e tanti litri d’acqua. Detto ciò, non lasciatevi ingannare da false pubblicità riguardanti prodotti a base di Acay Berry (Le condizioni di acquisto in inglese non vi permetteranno di essere sicure di muovervi con criterio) e diffidate da siti web in cui non vi sono note che vi avvertono degli effetti indesiderati o che vi suggeriscono di provarli gratuitamente. Ma la curiosità è donna, quindi se proprio volete testare le speciali bacche, recatevi da un esperto dell’alimentazione e fatevi raccomandare sul luogo dove poterle comperare con attendibilità.