Baciarsi con la lingua può bastare per trasmettere l’Aids?

da , il

    Baciarsi con la lingua può bastare per trasmettere l’Aids?

    Di aids si parla sempre meno eppure non è una bolla di sapone svanita nell’aria ma purtroppo sono ancora molte le persone malate. Uno dei tempi più delicati relativamente all’HIV sono i metodi di trasmissione del virus. Più volte è stata chiarita la necessità di avere rapporti protetti mentre è stato sempre escluso che il bacio possa in qualsiasi maniera essere pericoloso sotto questo punto di vista. A confondere le acque ora è proprio Luc Montagnier, il professore francese che rivendica la scoperta dell’HIV: le sue ultime dichiarazioni lasciano intendere che l’Aids si può trasmettere con un bacio.

    Il primo campanello d’allarme il Presidente della Fondazione mondiale per la ricerca e la prevenzione dell’Aids lo ha lanciato ad Agosto da Kampala, in vista di un seminario di ricerche in Uganda e Maiawi sui fattori secondari che possono aumentare il rischio di contagio. Le critiche della comunità medica e scientifica non si sono fatte attendere: secondo Robert Gallo dell’istituto di virologia umana di Baltimora e altri studiosi italiani, tra cui il Prof. Ferdinando Aiuti, la tesi non ha fondamenta. Che infatti una minima percentuale di carica virale sia contenuta nella saliva non è cosa nuova ma questa quantità di per sé è stata considerata insufficiente per la trasmissione del virus. Questi ricercatori invitano a non creare allarmismi e discriminazioni inutili e pericolose e si dicono disposti, come già fecero in passato, a bacia un sieropositivo o un soggetto malato di Aids. Il rischio di contagio con il bacio con la lingua è ipotizzabile solo in caso di lesioni in bocca ma si aggira intorno ad una possibilità su centomila. Tesi del genere rischiano di creare situazioni al limiti dell’assurdo, come la paura di bere dalla stessa tazzina o bicchiere usati da un sieropositivo. Ma allo stesso tempo non bisogna ovviamente neppure essere superficiali e pensare che i rischi di ammalarsi in generale non esistano e che il virus sia stato debellato.