Brutto carattere? Attenzione al cuore e al rischio infarto

da , il

    Brutto carattere? Attenzione al cuore e al rischio infarto

    Perché gli uomini sono più predisposti di noi donne ad avere problemi di cuore? Le donne possono essere comunemente vittime di infarto? Alcuni studi recenti stanno tentando di approfondire le cause all’origine di questi scompensi, analizzando le differenze fisiche e comportamentali tra sessi per capire perché noi donne siamo più raramente bersaglio di queste patologie. Uno studio interessante ha evidenziato il ruolo della irascibilità nelle malattie del cuore: la donna è tendenzialmente meno aggressiva anche grazie al testosterone, e proprio il ‘brutto carattere’ potrebbe contribuire a rendere gli uomini maggiormente soggetti a squilibri di questo tipo.

    Dopo le ultime novità, che avevano riconosciuto all’igiene orale un ruolo importante nella prevenzione dell’infarto, ora i medici allertano quindi sul carattere e l’irascibilità. Lo studio in questione ha analizzato alcuni uomini sardi, noto per il loro carattere testardo e per il temperamento rigido e ferreo. Ebbene sembra che a maggiore irascibilità corrispondano carotidi di dimensioni ristrette e quindi un maggior rischio di infarto. I soggetti ipertesi dono inoltre maggiormente soggetti al rischio che le placche all’interno dei vasi si rompano causando scompensi cardiaci e ictus. L’indagine è stata condotta dal National Institute on Aging (NIA) studiando per tre anni consecutivi oltre 5.600 abitanti di età compresa tra 14 e 94 anni e provenienti da quattro distinti paesi della Sardegna. Lo studio ha coinvolto per il 58% le donne: neanche noi siamo esenti da questa relazione tra rabbia e problemi di cuore e le donne più competitive e astiose hanno evidenziato delle pareti arteriose più spesse e un restringimento dei vasi sanguigni. Anche noi quindi dobbiamo cercare di contenere la rabbia, al gelosia e tutti i sentimenti che stimolano reazioni troppo forti.