Caffè al ginseng: proprietà e benefici

Caffè al ginseng: proprietà e benefici
da in Alimentazione, Consigli salute, Salute
Ultimo aggiornamento:
    Caffè al ginseng: proprietà e benefici

    Il caffè al Ginseng ha diverse proprietà e benefici. Si tratta, anzitutto, di una bevanda energetica che sfrutta le proprietà di una pianta conosciuta sin dall’antichità. La si può assumere anche per favorire la digestione e per evitare alcuni spiacevoli svantaggi provocati dal caffè (come tachicardia e nervosismo). Ma, quali sono le altre proprietà di questa bevanda?

    Proprietà e benefici

    I benefici e le proprietà del ginseng e quindi del caffè al ginseng sono diversi. Anzitutto, questa bevanda sembra avere effetti stabilizzanti sul sistema nervoso, a differenza del caffè tradizionale. Il ginseng, infatti, calma e rilassa la mente, generando una sensazione di benessere generale. Inoltre, come il caffè normale, stimola i movimenti intestinali e quindi favorisce la digestione. Ancora, il caffè ginseng ha un’azione benefica sul sistema cardiocircolatorio perché rilassa i vasi sanguigni (ed è quindi utile anche a regolarizzare la pressione) e stabilizza il ritmo cardiaco (quindi è consigliato in caso di attacchi cardiaci acuti). Infine, il ginseng ha un’azione antiossidante (quindi previene l’invecchiamento precoce e le malattie ad esso legato) e afrodisiaca (soprattutto per gli uomini).

    Controindicazioni

    Il caffè al ginseng fa male? Quali controindicazioni possono esserci? Non ci sono rischi nell’assunzione di caffè al ginseng, purché lo si faccia moderatamente (2-3 tazze al giorno al massimo). In alcuni casi, però, in soggetti particolarmente sensibili, l’abuso di questa bevanda può provocare dei disturbi come l’insonnia. Se ne sconsiglia l’assunzione anche a chi soffre di: ulcera duodenale, mal di testa, emorragie, ipertensione e tachicardia. Inoltre, la bevanda può interagire con alcuni farmaci, come gli psicofarmaci, l’insulina e gli anticoagulanti.

    Tra gli effetti indesiderati più frequenti, anche: diarrea, emorragie nasali, allergia e dolori al seno. Ovviamente, come anticipato, questi effetti negativi dipendono per lo più dal sovra dosaggio. Per questo, si consiglia un’assunzione moderata di caffè al ginseng, anche per scongiurare una sorta di dipendenza, che dipende dalla sensazione di sentirsi più forti ed energici durante la giornata. In questo senso, qualora non si ricorra ai classici preparati che si trovano in commercio, ma all’estratto, si consiglia di non superare i 200 mg al giorno. Infine, meglio evitare il consumo di caffè al ginseng in gravidanza e allattamento.

    Foto di Pixabay

    472

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AlimentazioneConsigli saluteSalute
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI