Combattere la depressione invernale: consigli utili

da , il

    Combattere la depressione invernale: consigli utili

    Ci siamo da poco lasciati alle spalle uno dei giorni più bui degli ultimi secoli, lo scorso 21 dicembre, e siamo quindi ufficialmente entrati nel vivo dell’inverno: giornate corte, freddo (se non gelo) e depressione invernale. A parte il periodo delle vacanze di Natale, caratterizzato da luci, colori e relax, il resto dei mesi invernali sono una vera e propria tortura per i meteoropatici, ma non solo. Svegliarsi la mattina presto quando è ancora buio non è uno dei modi migliori per iniziare una giornata lavorativa, e soprattutto non risolleva il morale uscire dall’ufficio che è già calata la notte.

    La depressione invernale è piuttosto diffusa ma non rappresenta uno stato patologico; per evitarla, o si adotta la soluzione più semplice ma costosa, cioè quella di intraprendere un bel viaggio in un paese della zona equatoriale o australe, oppure si seguono alcuni consigli per cercare di mitigare il senso di frustrazione. Una terapia molto in voga al momento, importata dagli paesi del nord Europa (braccati da buio e gelo per tutto l’inverno), consiste in sedute periodiche (circa una a settimana) in un solarium; godere di un quantitativo elevato di luce e vedere il proprio viso abbronzato allo specchio influenza positivamente l’umore.

    La vitamina D svolge un ruolo importante nel controllo degli stati d’animo e, come è stato dimostrato in Islanda, gli abitanti del posto non soffrono di depressione invernale nonostante siano sottoposti a lunghi periodi di buio e di freddo. È quindi consigliato mangiare pesce, in particolare olio di fegato di merluzzo e salmone, uova, latte e formaggi: tutti alimenti che contengono alte quantità di vitamina D.

    Un altro rimedio efficace consiste in una bella e lunga passeggiata durante le giornate di sole invernali, che possono regalare anche dei bellissimi colori e quindi provocare piacevoli sensazioni.