Come difendersi dal caldo senza rinunciare all’attività sportiva

da , il

    Come difendersi dal caldo senza rinunciare all’attività sportiva

    L’afa torrida estiva è già arrivata in diverse città italiane e alla voglia di stare all’aria aperta si affianca la necessità di proteggersi dalle alte temperature: esiste un modo efficace per difendersi dal caldo senza però rinunciare all’attività sportiva? O è proprio vero che l’unica alternativa è chiudersi in ambienti con aria condizionata?

    Per fare sport in estate bisogna essere molto cauti: se la temperatura esterna supera infatti i 35 gradi il corpo, a causa dell’umidità, non riesce a regolarizzare la temperatura interna e a disperdere adeguatamente il calore. Considerate che in un’ora circa di attività fisica in queste condizioni climatiche si può arrivare a perdere fino a 2 litri di liquidi ed è difficile reintegrarli semplicemente bevendo. Analogo discorso va fatto per i Sali minerali benché si tenti di riequilibrare la perdita con integratori. E’ importante quindi seguire alcune accortezze prima e durante l’attività fisica onde evitare rischi di ipertermia, disidratazione, crampi e colpi di calore. La prima regola, ove possibile, è quella di dedicarsi allo sport la mattina presto e la sera evitando le ore più calde. Bisogna inoltre sempre rapportare lo sforzo alla propria resistenza al calore scegliendo la giusta attività sportiva: una soluzione è quella di optare per gli sport in acqua, ormai in continua evoluzione. Alla più classica acquagym o al nuoto si sono affiancati infatti l’hydrospinning e l’aquagag. Fa benissimo passeggiare o andare in bicicletta approfittando del bel tempo e delle molte ore di luce. Se è possibile si può anche passeggiare in riva al mare. L’ideale sarebbe ritagliare spazio per questi esercizi almeno 4 volte a settimana per circa un’ora. Non cedete alla pigrizia di abbandonare qualsiasi esercizio o sforzo fisico: il movimento, in maniera controllata, è il modo migliore per superare le alte temperature.