Come rilassarsi: per combattere lo stress ecco le strategie quotidiane

da , il

    Come rilassarsi: per combattere lo stress ecco le strategie quotidiane

    Sapersi rilassare non è importante: è fondamentale. Oggi numerosi studi hanno evidenziato che i livelli di ansia e stress si mostrano in sensibile aumento, specialmente tra la popolazione femminile. Divise tra famiglia e lavoro, le donne devono sapersi fronteggiare in situazione spesso al limite dell’ansiogeno: appuntamenti, faccende domestiche, figli da accompagnare a scuola o dagli amici, impegni professionali, oggi più che mai è necessario munirsi di un’anima fortemente plastica e tradursi in più fronti. Ma senza perdere la calma. Per non arrivare al difficile punto di non ritorno è possibile imparare a rilassarsi combattendo lo stress con piccole strategie quotidiane. Quali sono le vostre?

    Siete tutto il giorno in ufficio? Quando uscite dalla porta che vi ha assistito nell’inizio della giornata, vi accoglie l’aria frizzante della sera e la sensazione qualche volta sconfortante di aver corso tutto il giorno, senza fare minimamente caso a voi stesse.

    Improvvisamente vi ricordate di avere una pelle (che grazie all’aria condizionata e viziata dell’ufficio è diventata drasticamente grigia), di avere due braccia, due gambe e dei vestiti ormai stropicciati. Potreste cogliere l’occasione per correre a casa e tuffarvi nella vasca da bagno. Ma fatelo concedendovi un momento del tutto particolare, a trasformare in un rito di riscoperta di voi stessi. Chiudete a chiave la porta, mettete una musica leggera e abbassate le luci: l’acqua vi accompagnerà tra oli profumati e la luce vibrante di una candela nell’intimo relax di un’ora da dedicare esclusivamente a voi stesse.

    Al contrario, se siete solite correre immediatemente a casa, ogni tanto cogliete l’occasione per spezzare la routine: potreste organizzare un aperitivo con le colleghe e le amiche, magari presentandole una all’altra. Potreste scoprire di avere insospettabili lati in comune e una quarantina di minuti dedicati a un prosecco si potrebbero trasformare in una chiacchiera divertente, ottima per concludere la giornata.

    Se avete un pomeriggio libero trascinate le amiche in un hammam, dove sperimentare massaggi e il dolce rituale del bagno turco: informatevi anche nelle palestre della vostra zona. Spesso molte strutture mettono a disposizione il circuito palestra e sauna per un’intera giornata, tramite il pagamento di un biglietto singolo. Anche l’appuntamento dall’estetista può rivelarsi un momento divertente da condividere con altre donne: spesso lo stress non colpisce tanto ciò che facciamo, quanto piuttosto con quali occhi vediamo e viviamo il senso dei nostri doveri.

    Se i i bambini non vi danno tregua ripensate alla loro creatività come una miniera di idee a cui voi stesse potrete attingere a piene mani, ricevendo gioia e incredibile entusiasmo in cambio. Per esempio in occasione del Natale la preparazione delle decorazioni può essere un’attività deliziosa in cui coinvolgere tutta la famiglia. La torta per merenda? Preparatela insieme. E non importa se un po’ di farina cadrà a terra, a volte una risata è il metodo migliore per portare ordine nel caos.

    Ricordate che la casa deve essere il vostro nido: scegliete un colore alle pareti che per voi sia stimolante, caldo, che vi faccia sorridere non appena varcata la soglia nonostante i problemi incontrati nella giornata. Arredate la vostra abitazione con ciò che più amate: piante, vasi di fiori, i vostri libri preferiti del passato e quelli del presente, i disegni di figli e nipoti, cuscini e candele.

    Non avete nemmeno un minuto di tempo per fermarvi? Ecco un segreto: potete meditare persino in metropolitana. Nessuno può imparare a meditare, perchè la meditazione è qualcosa che già sappiamo fare. Concentratevi sul vostro respiro. Potete immaginare una forma, un colore, un suono: in futuro, se la pratica vi piace, potrete seguire dei seminari e approfondire l’argomento ma sappiate che in qualsiasi situazione vi basterà ascoltare il vostro respiro.

    Sarà sufficiente percepire il vostro respiro che entra e inspirando riempie i vostri polmoni di ossigeno. Dopo averlo trattenuto qualche secondo, lasciatelo uscire con lentezza espirando, sempre con il naso. Provate a farlo e imparate a ripeterlo: vi scoprirete ad ascoltarvi respirare in metro, al supermercato, mentre attendete davanti ai fornelli che la pasta sia cotta.

    Può bastare un attimo per ritrovare la chiave della connessione con voi stesse: la vostra qual è?