Consultori a Roma: cosa cambierà per la salute delle donne con la legge Tarzia

da , il

    Consultori a Roma: cosa cambierà per la salute delle donne con la legge Tarzia

    A Roma, una trentina di donne manifestanti hanno messo in atto all’Auditorium Parco della Musica una protesta durante il festival del Cinema per invitare il consigliere regionale Isabella Rauti a ritirare la firma apposta alla proposta di legge Tarzia sui consultori. La protesta è stata organizzata proprio da alcune esponenti del coordinamento delle donne contro la Proposta di Legge Tarzia preoccupate delle conseguenze negative che la normativa potrebbe avere sul diritto alla salute delle donne. Il tema è molto delicato: cerchiamo allora di capire meglio cosa è successo e cosa prevede il testo del disegno di legge contestato.

    Il consigliere del Pdl era presente alla manifestazione per intervenire in una premiazione alle donne che hanno sconfitto il cancro, ‘Eroine per un giorno’. Ad accoglierla ci sono stati slogan conto la legge Tarzia e inviti a cancellare la firma. La preoccupazione delle manifestanti è quella dell’abbattimento dei consultori in tutto il Lazio che con la nuova legge passerebbero da enti pubblici a strutture private. I consultori inoltre nel nuovo testo non vengono più intesi come presidi per la salute della donna ma come enti per la famiglia: la figura della donna viene nominata solo per quanto concerne la possibilità di aborto. Isabella Rauti dopo il suo intervento si è avvicinata per parlare con le contestatrici, pur criticando la scelta del luogo per far valere le proprie ragioni. Da parte sua il consigliere della Regione Lazio lamenta una mancanza di collaborazione da parte del comitato di protesta, che non ha accettato l’invito alle audizioni in Commissione Sanità su questa legge. La buona notizia è che dovrebbero essere in programma emendamenti al testo di legge, volti, speriamo, a rivalutare i diritti alla salute delle donne. Il tema è molto delicato quindi è fondamentale che noi donne per prime ci impegniamo in prima linea per assicurare i nostri diritti.