Cosa mangiare per dimagrire lo stabilisce la personalità

da , il

    Cosa mangiare per dimagrire lo stabilisce la personalità

    Cosa mangiare per dimagrire? Quante volte ve lo siete chieste? Tante scommetto. Però, per quanto la cerchiate non esiste una risposta univoca e sintetica perché cosa mangiare per dimagrire lo stabilisce la personalità.

    Parola del neuroscienziato, Daniel Amen, che in un libro spiega le sue teorie sulla dieta e fornisce una serie di consigli per dimagrire con la cosiddetta ‘dieta della personalità‘, che potrebbe essere riassunta nell’adagio ‘dimmi come sei e ti dirò cosa mangiare per dimagrire‘.

    Il segreto consisterebbe dunque nel costruire una dieta mirata sulla personalità di chi le deve seguire. Basta calcolare il proprio metabolismo, contare le calorie di ogni alimento, separare il pane dalla pasta e chi più ne ha più ne metta: cosa mangiare per dimagrire dipende dalla personalità di ognuno.

    Ma come si fa a calibrare una dieta alla personalità? Vi chiederete voi. A questo scopo Amen ha identificato 5 differenti categorie di ‘overeater‘, cioè di chi mangia più di quanto dovrebbe: mangiatori compulsivi, mangiatori impulsivi, mangiatori compulsivi-impulsivi, mangiatori tristi o emotivi e mangiatori ansiosi. Cosa mangiare per dimagrire, sostiene l’esperto, viene stabilito dopo avere ricondotto il soggetto che deve dimagrire a una di queste 5 categorie.

    Vi elencherò di seguito le caratteristiche di questi 5 differenti tipi di mangiatori così che possiate riconoscervi e stabilire autonomamente cosa mangiare per dimagrire.

    1. Per i Mangiatori compulsivi la scelta ideale è quella di mangiare carboidrati complessi, perché aiutano l’organismo a produrre più serotonina, migliorando l’umore.

    2. Per i Mangiatori Impulsivi il consumo di carboidrati complessi, si rivela, invece, disastroso perché abbassa ulteriormente il loro controllo. Questa categoria di mangiatori dovrebbe consumare alimenti come il pollo e l’avena che aumentano i livelli di dopamina nel cervello e la concentrazione.

    3. Ai Mangiatori compulsivi-impulsivi Amen suggerisce di mangiare un po’ di tutto, concentrandosi però sull’attività fisica.

    4. I Mangiatori emotivi dovrebbero invece aumentare il consumo di acidi grassi omega-3, perché aiutano a calmare l’organismo riducendo l’infiammazione.

    5. I Mangiatori ansiosi devono evitare alcol e caffeina, e scegliere una dieta ricca di un amminoacido, la glutammina, che si trova in lenticchie, broccoli e noci.