Cosa mangiare prima di fare palestra: gli errori da evitare

da , il

    Cosa mangiare prima di fare palestra: gli errori da evitare

    Cosa mangiare prima di fare palestra? Nutrirsi in maniera corretta prima di uno sforzo fisico è fondamentale per avere la giusta dose di energia e al tempo stesso non sentirsi eccessivamente appesantiti. Ecco gli errori da evitare prima dell’appuntamento con il fitness. E’ importante mantenere stabile la glicemia, per esempio mangiando qualche frutto di stagione (purchè non sia frutta troppo zuccherina). Una dose pari a 20-30 g di proteine, 40 g di parmigiano o 50 g di bresaola insieme a qualche mandorla possono costituire un ottimo spuntino per arrivare in palestra con la giusta carica. L’esercizio fisico non è sufficiente per aumentare il benessere del nostro organismo: una dieta equilibrata appare la variabile fondamentale per stare bene e restare in forma, in maniera facile e consapevole.

    Nutrirsi in maniera corretta è estremamente importante, specialmente in previsione di una lunga seduta in palestra. Spesso vengono assunte poche o troppe proteine: sia una dieta ipercalorica sia un regime ipoproteico possono danneggiare il fisico. In questo senso è importante valutare con esattezza il vostro fisico e discutere con un nutrizionista dell’alimentazione più adatta al vostro fisico, anche in relazione ai risultati che desiderate conseguire rispetto la disciplina sportiva intrapresa.

    Ricordatevi che ai fini dell’equilibrio dell’organismo esiste un limite alla sintesi proteica che l’organismo pone: non bisognerebbe eccedere oltre i 30 gr di proteine per pasto e cercare di distribuirle nel corso della giornata.

    Prima di andare in palestra alimenti come riso, facilmente digeribile, verdure (da consumare crude o scottate alla piastra) e qualche frutto sono ottimi per avere la giusta carica e al tempo stesso affrontare l’esercizio fisico in leggerezza.

    Le fonti a basso indice glicemico sono costituite da frutta, legumi, pane di segale, fiocchi d’orzo, farro, ottime elementi per le giuste riserve di carboidrati.

    Non abolite i grassi: secondo le più recenti ricerche mediche i grassi stimolano la produzione di testosterone, i cui effetti sulla crescita muscolare sono già stati ampiamente accertati.

    Da preferire sono i grassi monoinsaturi, presenti nella frutta secca e nell’olio d’oliva, oltre ai grassi polinsaturi, della serie omega 3 e omega 6: gli omega-3 si trovano soprattutto in pesci d’acqua dolce quale il salmone, mentre gli omega-6 sono presenti in oli come l’olio di lino spremuto a freddo, olio di mais, di soia e di girasole.

    Non esagerate con le quantità: un pasto corretto, in particolare per l’appuntamento con la palestra, deve essere nutriente ma leggero. Come insegna la saggezza popolare sarebbe sempre opportuno alzarsi da tavola con un pizzico d’appetito.

    Durante l’esercizio fisico ricordate di mantenere la giusta idratazione: lasciate le bevande energetiche solo nel caso di sforzi particolarmente intensi. Acqua, frullati, centrifugati di verdura e frutta o una salutare spremuta saranno perfetti anche dopo la palestra, perché anche dopo l’allenamento è di fondamentale importanza uno spuntino.

    Saccarosio? Dopo i chilometri macinati e le calorie bruciate un cioccolatino non potrà farvi che bene, anche all’umore.