Diabete: nasce l’Osservatorio Italiano

da , il

    Diabete: nasce l’Osservatorio Italiano

    Ottimo periodo per le tante persone affette da diabete: dopo la recente notizia dello studio condotto su un nuovo tipo di insulina, più lenta e quindi con necessità di somministrazioni più distanziate nel tempo, adesso è arrivato anche l’Osservatorio italiano contro il diabete, per tenere costantemente sotto controllo la diffusione della malattia nel nostro Paese. L’idea è nata dall’accordo tra l’Associazione parlamentare per la tutela e la promozione del diritto alla prevenzione, l’Università degli Studi di Roma Tor Vergata, e l’Associazione Diabete Italia.

    Sponsorizzata dalla Novo Nordisk, l’Italian Barometer Diabetes Observatory (questo il nome che avrà l’Osservatorio), sarà ospitato a Villa Mondragone, a Monte Porzio Catone, in provincia di Roma, già sede di rappresentanza dell’Ateneo romano.

    A tal proposito, Renato Lauro, rettore dell’università degli Studi di Roma Tor Vergata ha sottolineato che l’accordo di programma firmato al Senato ha una durata di 5 anni e promuove l’attuazione di un progetto nazionale nella lotta al diabete in Italia. Prevede, presso il centro, l’istituzione di un tavolo di lavoro operativo per definire azioni, indicatori e strumenti di verifica utili alla realizzazione del progetto.

    Altro obiettivo dell’osservatorio è di pubblicare ogni anno un rapporto sullo stato di attuazione delle politiche sanitarie, assistenziali e sociali per la prevenzione del diabete, nonché di individuare campagne di sensibilizzazione sulla prevenzione del diabete di tipo 2.