Dieta Lemme: menu di esempio

da , il

    Dieta Lemme: menu di esempio

    La dieta Lemme è una delle più chiacchierate degli ultimi anni e un menu di esempio può essere molto utile per capirne le caratteristiche e le motivazioni che hanno portato alle numerose critiche. La dieta prende il nome da Alberico Lemme, farmacista di Desio, in provincia di Monza, che l’ha ideata. Tale dieta, che può essere considerata più una sorta di filosofia alimentare, ha davvero messo in subbuglio il mondo della nutrizione italiana, che spesso ha classificato la dieta Lemme come una cialtronata senza alcuna dimostrazione scientifica. Le opinioni sono contrastanti: sono molte le persone che hanno dichiarato di aver perso peso con la dieta del dottor Lemme, e che quindi la dieta Lemme funziona, ma sono anche molti coloro la criticano. Vediamo di seguito un menu di esempio e quali sono le sue principali regole.

    Abbiamo già parlato in generale della dieta Lemme, di che cos’è e di come funziona questa la famigerata dieta che alterna elogi e critiche. Adesso approfondiamo il discorso soffermandoci su un menu di esempio, uno schema settimanale simile a quelli che Lemme prescrive ai suoi pazienti. La stranezza di questa dieta sta nella ripartizione dei nutrienti durante la giornata, proponendo un modello alimentare piuttosto originale che prevede la pasta a colazione, oppure il tacchino o la frittata.

    La filosofia del valore biologico

    Il dottor Lemme sostiene di non promuovere un tipo di dieta, ma piuttosto un’educazione alimentare innovativa che non si basa sul conteggio delle calorie e dei grassi ma piuttosto sul loro valore biologico e sull’orario in cui si consumano determinati cibi: per esempio un cibo mangiato alla mattina fa ingrassare molto meno che consumato la sera. I cibi vengono così utilizzati sfruttando i principi della biochimica e somministarti come se fossero un farmaco. Come la dieta Dukan, che si basa su un alto contenuto proteico, e per questo contestata dai sostenitori della dieta mediterranea, anche la dieta Lemme non sembra essere, secondo i nutrizionisti, la via giusta per dimagrire in modo sano.

    Ecco quindi un esempio di menu settimanale della dieta Lemme , che va comunque affrontata con la dovuta cautela, come tutte le diete. Infatti un regime alimentare dietetico, o particolare, si dovrebbe intraprendere solo dopo aver chiesto consiglio a un medico specialista, per avere la certezza che si sposi bene con le proprie esigenze.

    1° e 2° giorno:

    Colazione: tacchino + caffè

    Spuntino: 1 limone a spicchi + thè

    Pranzo: filetto di manzo + caffè

    Cena: pesce spada + caffè

    3° e 4° giorno:

    Colazione: pasta olio e peperoncino + caffè Spuntino: 1 limone a spicchi + thè

    Pranzo: petto di pollo + caffè

    Cena: sogliola + caffè 5° e 6° giorno

    Colazione: carciofi + caffè Spuntino: 1 limone a spicchi + thè

    Cena: orata + caffè

    5° e 6° giorno:

    Colazione: pasta olio e peperoncino + caffè

    Spuntino: 1 limone a spicchi + thè

    Pranzo: petto di pollo + caffè

    Cena: sogliola + caffè

    7° e 8° giorno

    Colazione: fragole + caffè

    Spuntino: 1 limone a spicchi + thè

    Pranzo: filetto di vitello + caffè

    Cena: branzino + caffè

    9° e 10° giorno

    Colazione: pasta olio e peperoncino + caffè

    Spuntino: 1 limone a spicchi + thè Pranzo:petto di pollo + caffè

    Pranzo: fiorentina + caffè

    Cena:sogliola + caffè

    11° e 12° giorno

    Colazione: pompelmo + caffè

    Spuntino: 1 limone a spicchi + thè

    Pranzo: galletto amburghese + caffè

    Cena: pesce spada + caffè

    13° e 14° giorno

    Colazione: pasta olio e peperoncino caffe’

    Spuntino: 1 limone a spicchi + thè

    Pranzo: filetto di manzo + caffe’

    Cena: sogliola + caffè

    15° e 16° giorno

    Colazione: frittata + caffè

    Spuntino: 1 limone a spicchi + thè

    Pranzo: petto di pollo + caffè

    Cena: orata + caffè

    17° e 18° giorno

    Colazione: pasta olio e peper. + caffè

    Spuntino: 1 limone a spicchi + th

    Pranzo: filetto di manzo + caffè

    Cena:sogliola + caffè

    19° e 20° giorno

    Colazione: Spaghetti aglio olio e peperoncino e un caffè amaro

    Spuntino: un limone intero a spicchi con the verde senza zucchero

    Pranzo: Petti di pollo e un caffè amaro

    Spuntino: come sopra

    Cena: Sogliola

    Alimenti banditi e condimenti

    La dieta Lemme elimina del tutto il sale, lo zucchero i dolcificanti e l’aceto. Ma anche il pane, il latte e i derivati. Per condire è concesso l’olio extravergine di oliva e tutte le spezie come peperoncino, pepe, prezzemolo, salvia, rosmarino, basilico, timo, ma anche aglio, limone e cipolla. E’ consigliato bere molta acqua, anche gasata, e consumare tè e caffè senza zucchero.

    Orari dei pasti

    Per seguire la dieta Lemme bisogna necessariamente rispettare degli orari specifici per i pasti: la colazione deve avvenire entro le 9.30, mentre il pranzo tra le 12 e le 14 e la cena tra le 19 e le 21. Sono previsti, inoltre degli spuntini nella mattinata (tra le 10 e le 11) e nel pomeriggio (tra le 16 e le 17). Rispettarli sembra essere fondamentale per la buona riuscita della dieta.

    Dieta Lemme vegetariana

    Vista la grande presenza di carne e pesce nella dieta si potrebbe pensare che non sia adatta a chi segue l’alimentazione vegetariana, ma esiste invece una versione vegetariana che prevede l’inserimento di proteine vegetali. Nella dieta Lemme vegetariana, dunque, sono previsti grandi quantitativi di verdure, che invece non sono contemplati nella prima fase della sua versione originale (e che vengono poi inseriti in un secondo momento, durante la fase di mantenimento).