Dolori alle gambe: come alleviarli con le erbe

da , il

    Dolori alle gambe: come alleviarli con le erbe

    Le gambe, croce e delizia del corpo femminile, sono spesso flagellate da gonfiori causati da una vita frenetica, dall’utilizzo frequente dei tacchi o dall’assunzione di posture errate. Praticare molta attività fisica aiuta riattivare la circolazione e a mantenere le gambe toniche e in forma, ma spesso, per pigrizia o per mancanza di tempo, si preferisce o non è possibile mettere in movimento una delle parti più sexy del corpo femminile. Per ovviare ai dolori all’età, quindi, si può ricorrere all’utilizzo di erbe, che oltre ad alleviare i fastidiosi sintomi, permettono anche di guarire contusioni, tendiniti e contratture.

    Per avere sollievo dal senso di pesantezza e dal dolore causati da una giornata passata in piedi o a camminare sui tacchi, ideale sonno dei pediluvi di vite rossa; procuratevi quindi delle foglie di vite rossa e lasciatene riposare tre pugni per circa 15 minuti in 3 l di acqua bollente e successivamente aggiungete acqua fredda fino al raggiungimento di una temperatura calda e sopportabile. Lasciate i piedi a mollo per una ventina di minuti e vedrete che un senso di leggerezza si approprierà delle vostre gambe.

    Le tendiniti sono un’altra croce difficilmente sopportabile, ma la somministrazione di gemmoderivato di ribes nero, un massimo di 50 gocce diluite in acqua per un individuo adulto (non più di due volte al giorno), può apportare dei netti miglioramenti.

    Concludiamo con i dolori da crampi e da contratture, gestibili contro la combinazione di tre gemmo derivati da assumere momenti differenti della giornata: 50 gocce di castagno la mattina, 50 di fico prima del pranzo e 30, diluite in acqua, di tiglio prima della cena.