Esercizio fisico: praticato a digiuno fa bruciare di più

da , il

    Esercizio fisico: praticato a digiuno fa bruciare di più

    Una bella corsetta appena svegli? Si, ma meglio se a stomaco vuoto, cosi bruciamo più grassi. Recenti studi del settore rivelano che tutti coloro che vogliono bruciare grassi e cellulite in eccesso accumulati nelle zone critiche dovrebbero evitare di mangiare prima di iniziare un’attività fisica.

    L’esercizio fisico abbinato ad una dieta può davvero farci raggiungere dei buoni risultati, se praticato a digiuno, poi, aiuterebbe addirittura ad eliminare i grassi che si depositano nelle zone difficili. Lo studio realizzato su un gruppo di ciclisti durante la loro preparazione atletica rivela che se sottoposti ad esercizio fisico a digiuno, gli atleti brucerebbero molti più grassi.

    Di solito gli atleti mangiano molto prima di una gara, tuttavia gli sportivi che non mangiano obbligano l’organismo a bruciare le riserve e quindi i grassi.

    I ricercatori dell’Università di Birmingham hanno replicato lo studio sottoponendo due gruppi di volontari ad una serie di attività fisiche: ad un primo gruppo veniva chiesto di fare una bella pedalata mattutina di un’ora tre volte a settimana e dell’esercizio fisico subito dopo, tutto rigorosamente a digiuno. Al secondo gruppo, invece, venivano richieste le stesse prestazioni ma senza l’bbligo di saltare la colazione. Nonostante il rendimento del primo gruppo fosse più scarso rispetto a quello del secondo gruppo, i concorrenti a digiuno bruciavano una quantità maggiore di grassi. Questo perché quando ci sottoponiamo ad esercizio senza aver mangiato entrano in gioco l’adrenalina e l’insulina.

    Questa relazione tra l’insulina bassa e adrenalina alta durante le ore del digiuno permette ai muscoli di bruciare più acidi grassi.

    Per questo motivo chi si allena a stomaco vuoto brucia di più rispetto a chi si allena dopo aver mangiato.