Giornata Mondiale contro l’Aids 2011: vittime in diminuzione

da , il

    Giornata Mondiale contro l’Aids 2011: vittime in diminuzione

    Oggi, primo dicembre, si celebra la Giornata Mondiale contro l’Aids, tra iniziative e dati sull’andamento della malattia. Se da un lato è confortante sapere che le vittime e le infezioni sono in calo, dall’altro restano ancora delle zone d’ombra, visto che circa otto milioni di persone non hanno accesso alla cure.

    Riprendendo i dati, le vittime dell’Aids sono in calo del 22%, mentre le infezioni da HIV diminuiscono del 17%; i morti in Italia dal 1982 sono circa 40.000.

    I risultati presentati alla Giornata Mondiale dell’Aids fanno ben sperare, i contagiati riescono a vivere molto più a lungo e in condizioni migliori con il virus, ma purtroppo circa una metà di essi non ha accesso alle cure, per la precisione ai farmaci antiretrovirali, come denuncia Actionaid Italia.

    In Europa i contagi sono aumentati nel 2010, ma dove la terapia è stata effettuata tempestivamente la manifestazione della malattia si è ridotta a pochi casi. In sostanza, crescono i casi di contagio e diminuiscono i casi di Aids. Dati su cui è importante riflettere perché, nonostante i passi avanti della medicina, non c’è ancora stata un’adeguata sensibilizzazione della popolazione.

    I contagi avvengono, infatti, per la maggior parte a causa di rapporti sessuali non protetti (80,3%) e circa un quarto dei sieropositivi non sa di esserlo.

    In questo contesto le donne sono le più esposte al rischio infezioni, venendo infettate per il 70% delle volte da partner stabili, spesso portatori latenti, che contraggono il virus in rapporti occasionali.

    Per avere informazioni e chiedere consigli è possibile contattare gli esperti al numero verde 800861061 dalle 8 alle 20.