Gli antiossidanti contro i tumori

da , il

    Gli antiossidanti contro i tumori

    Molti studi odierni riguardano l’uso degli antiossidanti contro i tumori, non solo a scopo preventivo, ma anche curativo, di molte forme. Ma come funzionano gli antiossidanti e quali alimenti dobbiamo consumare per assicurarci una buona scorta di queste preziose sostanze? Sicuramente la frutta e la verdura hanno un ruolo primario e insostituibile, ma anche tra questa si può scegliere in modo mirato.

    Antiossidanti cosa sono e a cosa servono

    Cosa sono e a cosa servono gli antiossidanti? Gli antiossidanti sono sostanze in grado di neutralizzare i radicali liberi e proteggere l’organismo dalla loro azione negativa. Proprio i radicali liberi, infatti, sono particolari molecole in grado di danneggiare le strutture cellulari come la membrana plasmatica ed il DNA. L’azione negativa dei radicali liberi si ripercuote sulla salute dell’organismo in genere accelerando i processi di invecchiamento cellulare, deprimendo il sistema immunitario e infine favorendo l’insorgenza di numerose malattie e forme tumorali. Dal canto suo il nostro organismo riesce a tenere sotto controllo l’attività dei radicali liberi attraverso speciali sostanze antiossidanti endogene (cioè sintetizzate autonomamente) ed esogene (cioè presenti negli alimenti). Tra le sostanze antiossidanti esogene sicuramente la Vitamina E, la Vitamina C, i carotenoidi, i polifenoli e le antocianine.

    Antiossidanti, quali alimenti ne contengono di più

    Per assicurarci la giusta dose di antiossidanti è consigliato consumare almeno cinque porzioni al giorno di frutta e verdura, che apportano grossomodo 5000 unità ORAC, un quantitativo più che sufficiente per proteggersi dai radicali liberi. Va ricordato che anche l’attività fisica moderata contrasta l’azione dei radicali liberi, per questo ancora una volta il binomio attività fisica e alimentazione sana deve ritenersi vincente.

    Gli alimenti più ricchi di antiossidanti secondo la scala ORAC sono:

    Succo di uva nera 1 bicchiere = 5216 unità

    Mirtilli 1 tazza = 3480 unità

    Cavolo verde cotto 1 tazza = 2048 unità

    Spinaci cotti 1 tazza = 2042 unità

    Barbabietola cotta 1 tazza = 1782 unità

    More 1 tazza = 1466 unità

    Prugne nere 3 = 1454 unità

    Cavoli di Bruxelles cotti 1 tazza = 1384 unità

    Succo di pompelmo 1 bicchiere = 1274 unità

    Pompelmo rosa 1 = 1188 unità

    Fragole una tazza = 1170 unità

    Succo di arancia 1 bicchiere = 1142 unità

    Arancia 1 = 983 unità

    Susina 1 = 626 unità

    Patata arrosto 1 = 575 unità

    Avocado 1 = 571 unità

    Uva nera un grappolino = 569 unità

    Peperone 1 = 529 unità

    Kiwi 1 = 458 unità

    Patata americana 1 = 433 unità

    Fagiolini cotti una tazza = 404 unità

    Cavolfiore cotto una tazza = 400 unità

    Uvetta nera 1 cucchiaio = 396 unità

    Cipolla 1 = 360 unità

    Uva bianca 1 grappolo = 357 unità

    Melanzana 1 = 326 unità

    Mela 1 = 301 unità

    Pesca 1 = 248 unità

    Banana 1 = 223 unità

    Pera 1 = 222 unità

    Melone tre fette = 197 unità

    Spinaci crudi 1 piatto = 182 unità

    Albicocche 3 = 172 unità

    Pomodori 1 = 116unità

    Cetrioli 1 = 36 unità