I denti si macchiano con lo smog

da , il

    I denti si macchiano con lo smog

    Lo smog si sa fa male, le nostre città ne sono sempre più sature e purtroppo questo può provocare malattie e patologie di vario genere nel sistema respiratorio: dall’asma alle allergie. Oggi si ha la prova dell’ennesimo danno che l’inquinamento porta al nostro organismo: oltre a intaccare bronchi e polmoni, lo smog aggredisce anche i denti. Un recente studio dell’Università degli studi di Milano ha fatto luce su un nuovo problema: Pare che nelle città con un alto tasso di polveri sottili nell’aria, le persone cosidette ‘respiratori orali’ e cioè gli individui che a causa di problemi al naso, principalmente respirano e inalano con la bocca, vanno incontro a una maggiore pigmentazione dei denti che si presentano di fatto di un colore più scuro.

    Il presidente del corso di Laurea in Igiene dentale Giampietro Farronato afferma che l’aria in questo modo non viene filtrata all’interno del naso e le polveri sottili si depositano sullo smalto dei denti e nello specifico su molari e incisivi, recando spesso anche un danno alle gengive che si infiammano e si gonfiano.

    Per ovviare a questo problema, è consigliabile cercare di respirare di meno con la bocca e lavarsi accuratamente i denti tutti i giorni, utilizzzando ogni tanto anche uno sbiancante. Non bisogna però abusarne e stare molto attenti agli sbiancanti comprati on line o fuori dall’Italia, il rischio è infatti quello che siano pericolosi per la salute, come afferma una recente ricerca di Altroconsumo in merito all’argomento. La cosa migliore da fare è prenotare una visita dal dentista e farsi consigliare su com agire e sul prodotto migliore da usare, nel caso ce ne sia un reale bisogno.